Candele a Candelara fa il pieno con migliaia di presenze

Candele a Candelara fa il pieno con migliaia di presenze

Per domenica i pullman in arrivo (oltre 60) saranno fatti fermare in zona 5 Torri-Campus. Nelle casette c’è anche Isabella Vissani, artigiana di Camerino che ha avuto il laboratorio distrutto dal terremoto

Candele a Candelara fa il pieno con migliaia di presenze

PESARO – Un sabato di successo per Candele a Candelara. Quaranta i pullman arrivati oggi con il “counter” degli ingressi che ha superato quota 3.600 ma che in serata ha continuato a registrare arrivi. Una giornata molto gettonata ma tutto sommato tranquilla che ha consentito ai tanti visitatori giunti da ogni parte d’Italia di godersi al meglio la festa. Tutte le misure di sicurezza ed il piano predisposto dai volontari e della Pro Loco ha funzionato al meglio.

E tutto è pronto anche per domani, giornata tra le più gettonate di questa 14esima edizione.

“Per domenica – dicono il presidente della Pro Loco Pierpaolo Diotallevi e il direttore artistico della festa, Piergiorgio Pietrelli – i pullman saranno fatti fermare a Pesaro nell’area 5 Torri-Campus scolastico e non potranno raggiungere Candelara. Per questo è stato potenziato il servizio di navette con corse ogni 20 minuti da e per Candelara”. Questo spiegano gli organizzatori per evitare l’intasamento delle vie di Candelara e per consentire una gestione più razionale e scaglionata di arrivi e partenze. Tra le 18 e le 19.30 abbiamo concentrato più corse e organizzato le cose in maniera da poter far defluire con ordine i visitatori.

Intanto tra gli espositori di Candele a Candelara ha trovato posto anche Isabella Vissani, artigiana produttrice di candele di Camerino che ha avuto il suo laboratorio distrutto dal terremoto e che lo scorso anno – in conseguenza al sisma – non aveva potuto partecipare alla 13esima edizione alla quale si era iscritta da tempo. La direzione artistica ha deciso così non solo di invitarla quest’anno ad esporre i suoi oggetti, ma anche di non farle pagare nulla. “Anzi, per aiutarla concretamente – dice Pietrelli – invitiamo tutti a visitare la sua casetta

Giudizi più che lusinghieri da parte dei visitatori che in queste ore hanno rilasciato commenti entusiastici sui blog di Google e sui siti dei camperisti e sui social network. Il commento è unanime per Candele a Candelara “niente da invidiare ai mercatini del nord. L’atmosfera è magica e lo spegnimento della luce artificiale e le luci delle fiammelle di cera e dei palloncini luminosi appesi alla cometa rende tutto unico indimenticabile”.

Successo anche per l’Officina di Babbo Natale, le attrazioni di strada e le tante iniziative attorno alla festa. Così come per i piatti della tradizione serviti nelle due strutture. Particolarmente apprezzato l’apporto dei ragazzi dell’Istituto Alberghiero, incaricati del servizio in sala e del ricevimento.

Ecco il programma di domenica 3 dicembre

Dalle 11:00 alle 12:00 e dalle 14:00 alle 15:00 – desaritmia – trio di percussioni in versione natalizia

Dalle 11:30 alle 13:00 – presepe vivente, in costume con antichi mestieri e animali della fattoria, concerto coro voci bianche crescer cantando (coro jubilate)

Ore 11:30 – alceo pucci scultore su cera “il volo dell’angelo”, piero talevi poeta “la poesia sospesa” all’interno del presepe vivente

Ore 11:30 e ore 14:30 – re magio baldassarre e il magico olifante compagnia teatro delle isole

Ore 14:30 – la banda di babbo natale preceduta da una slitta carica di dolciumi

Ore 16:00 – concerto natalizio coro jubilate pieve di Santo Stefano

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it