Nell’area portuale di Ancona è necessario sistemare le strade

Nell’area portuale di Ancona è necessario sistemare le strade

Confartigianato Trasporti chiede la manutenzione di tutte le arterie ed il completamento del progetto di Via Mattei con nuovi parcheggi per auto e la ritemporizzazione del semaforo di Torrette

ANCONA – Confartigianato Trasporti da diversi anni è impegnata nel migliorare la sicurezza dei lavoratori del porto di Ancona, conducenti di autoveicoli compresi a partire dai veicoli industriali.

Finalmente dopo tante pressioni, dichiara Gilberto Gasparoni segretario di Confartigianato Trasporti, è stato attuato un primo importante intervento sulla Via Mattei, che deve essere completato con l’acquisizione delle aree, sottostanti l’Asse a Sud e limitrofe del by pass, aree nelle quali dovranno essere realizzati parcheggi per vetture onde liberare gli spazi sulle strade, che sono ora occupati dalle vetture dei lavoratori che sostano per l’intera giornata.

Un’altra importante azione da effettuare, anche questa richiesta da anni, è il rifacimento del manto stradale degli accessi alla nuova darsena che sono sconnessi e pericolosi e per il quale abbiamo ripetutamente richiesto l’intervento anche dell’AdSP che da una parte ha acquistato diversi siti, (scalo Marotti, Ex Tubimar, area della Fiera, Bunge in fase di acquisizione, tutti insediamenti serviti dalla rete stradale ancora comunale ed utilizzati dagli autotrasportatori, che sono in grande difficoltà per i notevoli costi delle manutenzioni che sono chiamati a sostenere a causa delle tante buche, degli affossamenti ecc. ecc.

Confartigianato, afferma Angelo Pisa presidente Confartigianato Trasporti An-Pu, considerato che l’AdSP con i diritti di imbarco e sbarco e con le concessioni acquisisce grandi risorse, questa può e deve intervenire nella manutenzione della rete stradale a servizio del Porto ed in questa direzione ci risulta essere stato predisposto un protocollo di collaborazione, tramite il quale, anche l’AdSP concorre ai costi delle manutenzioni della rete stradale a servizio del porto di Ancona.

Confartigianato chiede pertanto, al Comune di Ancona ed all’AdSP di far procedere la pratica su citata con la firma del protocollo cosi da permettere al Comune di intervenire, anche con il contributo dell’AdSP al mantenimento della rete stradale interna al porto evitando gravi rischi di incidenti sul lavoro e migliorando la sicurezza stradale utilizzata anche dal traffico passeggeri e dai TIR in transito, che percorrendo strade fatiscenti, sicuramente si porteranno con loro una pessima immagine di Ancona, del suo porto e dell’Intera Regione.

Confartigianato infine chiede che venga fatta manutenzione stradale sulla Via Conca a torrette sconnessa e pericolosa anche questa ed  accelerate le procedure di realizzazione del sovrappasso di Torrette di collegamento fra il parcheggio di Via Metauro e l’Ospedale Regionale, cosi da rendere fluido il traffico sugli accessi di Torrette. Infine Confartigianato ha sollecitato il comune per ritemporarizzare il semaforo di Via Conca in prossimità del passaggio pedonale per l’Ospedale che sta creando lunghissime ed interminabili code che a volte arrivano alla caffetteria e l’accorciamento della corsia  riservata a quanti escono dall’ospedale cosi da consentire la percorrenza in due carreggiate prima di giungere al semaforo permettendo un maggior deflusso del traffico in entrata a Torrette.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: