All’Istituto Santa Marta di Pesaro approfonditi gli eventi legati alla caduta del Muro di Berlino

All’Istituto Santa Marta di Pesaro approfonditi gli eventi legati alla caduta del Muro di Berlino

PESARO – Angela Merkel ha detto, in occasione della ricorrenza dei trenta anni dalla caduta del Muro di Berlino, che nessun Muro regge per sempre, e anche  che non dobbiamo dimenticare mai i pericoli dell’ antisemitismo e del razzismo che oggi sono nuovamente presenti nella società.

Per essere vaccinati contro  questa “malattia” bisogna prima di tutto conoscere la Storia, e la manifestazione che ha avuto luogo all’Istituto Alberghiero di Pesaro Santa Marta ha avuto proprio lo scopo, in occasione di questo evento straordinario, avvenuto 30 anni fa, la caduta del Muro di Berlino, di approfondire gli avvenimenti che hanno portato alla  fine della Guerra fredda e in definitiva  hanno decretato la fine della Seconda Guerra Mondiale. Il nove novembre 1989 è stato un giorno significativo e di gioia per la storia della Germania e per l’Europa, ma , non dobbiamo dimenticare, un altro 9 novembre, quello  del 1938 , la Kristallnacht, la famigerata  notte dei cristalli nella quale furono bruciate dai nazisti le sinagoghe e i cimiteri ebraici e deportati 30.000 giovani ebrei nei campi di concentramento di Buchenwald, Dachau e Sachsenhausen.

Il progetto nasce dalla collaborazione del Liceo Linguistico Mamiani di Pesaro e il Santa Marta nelle persone di Aldo Tenedini e Daniele Stramigioli.  L’idea era quello di un evento  culturale  che comprendesse anche un  momento gastronomico.  Per l’occasione sono stati preparati due piatti della cucina popolare berlinese , una Kartoffelsuppe,  e le Buletten ,polpettine speziate , portate a Berlino dagli Ugonotti, fuggiti dalla Francia nel XVIII secolo e come dolce i Berliner , così come vengono chiamati i krapfen Berlino. Il tutto accompagnato da birra ceca , reperibile nella RDT solo in alcuni ristoranti per pochi.

I momenti più significativi sono stati gli interventi degli studenti del linguistico che, sotto la guida del prof. Stramigioli,  hanno interpretato una poesia die Günter Walraff , die deutsche Teilung , dove una parte recita quello che i media occidentali dicono dell’ Est e un’altra parte quello che i media orientali dicono dell’ovest. L’autore si augura alla fine un Paese senza pregiudizi   e la lettura di due testimonianze di donne che hanno vissuto nella RDT., dove si ritrova l’esperienza di essere stati sottomessi  ad un un controllo sociale pesante , ma  anche il ricordo di avere vissuto un periodo di ideali e di sicurezze sociali oramai scomparse .

Sono state proiettate immagini degli avvenimenti che hanno cambiato l’Europa. Sono intervenuti gli studenti Stefano Cerreti,  Monica Talevi, Alice Varani.

Per l’occasione è stata anche fatta una mostra di immagini, documenti e oggetti della Repubblica Democratica Tedesca, a cura del prof. Tenedini Aldo, ideatore del progetto.

Sono intervenuti il Dirigente Scolastico Provinciale Marcella Tinazzi che ha elogiato l’iniziativa nata dalla collaborazione di due Istituti, nonchè l’assessore alla Crescita di Pesaro Giuliana Ceccarelli, il Dirigente del Liceo Terenzio Mamiani di Pesaro Roberto Lisotti , il Dirigente del Liceo Nolfi Samuele Giombi , nonchè il padrone di casa il Dirigente Roberto Franca.

Hanno collaborato alla riuscita della manifestazione i prof. Del Cipolla, Rossini, Donadei, Frattini, Coraducci, Maniscalco. Si ringrazia anche il personale tecnico dell’Istituto Santa Marta.

Ha cucinato la classe VD. La grafica dell’evento è di Vito Mancini

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: