Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini

Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini

Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini Inedita presentazione ad Ancona del libro “Stagioni” di Bruno Cantarini

di MASSIMO CORTESE

ANCONA – Presentare un libro di poesie in un teatro, è già una cosa abbastanza inconsueta. Se poi constatiamo che il teatro era affollatissimo e che all’iniziativa hanno voluto collaborare molte persone, dobbiamo ammettere che Bruno Cantarini, a tre anni dalla scomparsa, risulta molto amato.

Alla classica presentazione, portata avanti da un uomo di teatro come il direttore dell’AMAT Gilberto Santini, alle appassionate letture di Luca Violini, ai graditissimi intermezzi musicali, ai ringraziamenti per il Comune di Ancona, che ha patrocinato l’iniziativa, ha fatto da sfondo naturale la stima e l’amicizia che le persone che sono accorse alla presentazione avevano per Cantarini. La professoressa Giorgia Coppari, scrittrice e moglie di Bruno, nel fare gli onori di casa, ha comunicato che la raccolta è stata pubblicata non per far piangere, ma per commuovere: anzi, come direbbe Bruno, per muovere insieme. Perché in Stagioni il marchio di fabbrica è sempre questo: un amore per la realtà in tutti i suoi aspetti, da quelli più belli ai più drammatici che hanno segnato la vita di Bruno.

Che, comunque, non è stato solo un poeta.

Dimenticavo di dire che, oltre al Comune di Ancona, un ringraziamento deve andare al Circolo Miguel Manara, all’Associazione Piccolo Principe e ad Avsi. In particolare, le offerte e il ricavato della vendita del libro sono stati destinati ai progetti di AVSI.

(Le foto sono di Stefano Sacchettoni)

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it