“L’italiano? Deve essere un ruspante cosmopolita”

“L’italiano? Deve essere un ruspante cosmopolita”

A dirlo è stato, a Civitanova Marche, il professor Dipak Pant, docente di Antropologia e ‘Sistemi Economici Comparati. Grande successo per l’inziativa Home Faber con quasi 200 imprenditori

“L'italiano? Deve essere un ruspante cosmopolita”

CIVITANOVA MARCHE – “L’italiano? Deve essere un ruspante cosmopolita”. A dirlo è stato il prof. Dipak Pant, docente di ‘Antropologia’ e ‘Sistemi Economici Comparati’ nel corso di “Homo Faber”, l’iniziativa nata spontaneamente da un gruppo di imprenditori marchigiani che guarda al rinnovamento della visione imprenditoriale come vero volàno del progresso di un territorio. L’incontro al quale hanno partecipato quasi 200 imprenditori perlopiù marchigiani oltre che Dipak Pant, ha visto la presenza di Eusebio Gualino, AD di Gessi S.p.A. e fondatore di Gessy Academy.In oltre due ore di confronto, discussione, approfondimento, i partecipanti hanno avuto l’occasione sia di ragionare degli aspetti più teorici, antropologici e sociologici sollecitati dal prof. Pant, che delle questioni più pratiche argomentate con efficaci esempi da un imprenditore di successo come Eusebio Gualino. “Buttate la televisione o almeno guardate solo qualche bel film” – è stato il provocatorio invito di Gualino la cui sede aziendale a Serravalle Sesia nel vercellese è già un modello da molti studiato ed imitato. Definendo “ruspanti cosmopoliti” gli imprenditori marchigiani, il prof. Pant ha voluto sottolineare “l’importanza di essere profondi conoscitori del mondo, delle varie culture e possibilmente di più lingue straniere senza dimenticare o rinnegare mai le proprie origini, ed i luoghi della propria infanzia”. “Tra l’altro siete molto fortunati a vivere in un territorio così ricco di bellezze naturali nelle quali si è sviluppato tanta impresa” – ha aggiunto.L’iniziativa Homo Faber nasce attribuendo alla cultura il ruolo di “driver” di rilancio economico e sociale del territorio con l’obiettivo di generare benessere sociale attraverso un percorso consapevole di crescita della mentalità imprenditoriale Si tratta di un movimento culturale apolitico ed apartitico basato su una nuova e necessaria cultura d’impresa che si pone l’ambizioso obiettivo di aggregare imprenditori consapevoli che adattarsi al contesto socio-economico non sia più funzionale essendo indispensabile ormai provare ad influire sullo stesso, contribuendo attivamente alla generazione di un evoluto modello di sviluppo economico e sociale sostenibile che possa diffondersi coinvolgendo sempre più imprenditori che credano nella forze delle proprie idee e nel valore del capitale umano.

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: