IN PRIMO PIANOMARCHEPOLITICA

Nuovo piano delle Opere pubbliche, alle Marche oltre 600 milioni di euro

Nuovo piano delle Opere pubbliche, alle Marche oltre 600 milioni di euro

CAMERINO – Sono 642,5 milioni di euro i finanziamenti per il nuovo Piano della ricostruzione pubblica delle Marche. Un investimento importante che darà il via a 742 opere rimaste ad oggi fuori dalla ricostruzione, aumentando il plafond destinato alla regione, che secondo quanto stabiliscono le percentuali di danno è stata la più colpita dagli eventi sismici del 2016. Gli elenchi aggiornati comprendono 469 opere legate alla nuova tranche della Rigenerazione urbana, il nuovo elenco delle opere pubbliche che comprende 273 interventi, di cui 17 finanziati con i risparmi della Camera dei Deputati.

A presentarli oggi a Camerino, dopo la riunione del Comitato istituzionale che raccoglie gli 85 Comuni del cratere marchigiano, il Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli insieme al Commissario Straordinario alla Riparazione e Ricostruzione Guido Castelli, al Prefetto di Macerata Flavio Ferdani e al sindaco di Camerino Roberto Lucarelli. Hanno portato il proprio saluto il Vicepresidente del Consiglio regionale Gianluca Pasqui e il consigliere regionale Renzo Marinelli, sottolineando la forte sinergia dell’intera giliera istituzionale e l’attenzione della Regione per il territorio colpito dal sisma.

“Oggi tagliamo un traguardo importante, un piano imprescindibile per dare una accelerazione alla ricostruzione pubblica – ha dichiarato il Presidente Acquaroli -. L’obiettivo è che gli sforzi fatti finora si concretizzino nella fase dei cantieri. Solo la vista dei cantieri e dei lavori in corso potrà dare speranza alla popolazione. Dobbiamo spingere sull’acceleratore per riunire e ricostruire queste comunità. Abbiamo subito le lungaggini burocratiche, poi la pandemia, la guerra, l’inflazione, il rincaro delle materie prime. Oggi siamo in una fase successiva che ci permetterà, con la massima collaborazione istituzionale, di mettere a terra e velocizzare i cantieri. In questo modo potremo riavvicinare le persone al territorio, rinsaldare le comunità, avviare una ricostruzione non solo fisica ma anche sociale ed economica ed evitare lo spopolamento. Questo territorio è il cuore della regione e grazie a questo piano straordinario potrà diventare “trainante”. La curiosità che le Marche e i suoi Borghi generano a livello turistico è una opportunità da cogliere ma dobbiamo farci trovare preparati, perché ciò potrà accrescere il valore di queste zone e favorire lo sviluppo delle attività’ connesse all’accoglienza come l’enogastronomia, ma anche la manifattura e l’artigianato. Ma innanzitutto dobbiamo dare concretezza ai progetti con i cantieri. Voglio in questa occasione sottolineare anche l’importante risultato ottenuto per il mantenimento delle classi nelle scuole terremotate, la certezza di poter contare su un servizio fondamentale come quello scolastico negli anni che saranno necessari per ricostruire”.

“Per la portata finanziaria che esprime – afferma il Commissario alla ricostruzione Guido Castelli – quella che viene presentata oggi può essere considerata una vera e propria manovra economica. Una manovra che giunge a due giorni di distanza dall’approvazione al Senato del decreto Ricostruzione. Queste due iniziative, che si succedono a stretto giro, rappresentano un segnale molto chiaro. È la dimostrazione di quanto forte e concreto sia l’impegno delle istituzioni nei confronti dei territori colpiti dal sisma. Questa notevole dotazione a disposizione delle Marche, e in particolare dell’area del cratere, deriva da un’esigenza di riequilibrio finanziario in favore della regione Marche che nei precedenti piani non aveva ricevuto stanziamenti corrispondenti alla percentuale complessiva del danno subito.

La nostra scelta è quella di sostenere il più possibile i Comuni maggiormente colpiti – aggiunge il Commissario Castelli – E per farlo abbiamo deciso di destinare loro più fondi. Vogliamo restituire dignità alle sedi delle istituzioni e ai luoghi della memoria. Ora il compito della Struttura commissariale è far sì che queste risorse così ingenti possano essere tempestivamente messe a terra. La sfida di questa nuova fase della ricostruzione sta nel passare dalle norme ai cantieri, senza lasciare indietro nessuno. In particolare, metteremo a disposizione dei Comuni più colpiti risorse

economiche, umane e capacità operative per rendere ogni giorno meno distante il traguardo della ricostruzione”.

Al cosiddetto cratere ristretto, che comprende i 28 Comuni delle Marche che hanno subito più danni, vanno fino a 6,5 milioni di euro ciascuno, mentre agli altri Comuni del cratere fino a 3,5 milioni. Sempre ai Comuni più danneggiati è riconosciuto un contributo aggiuntivo per la progettazione della mitigazione dei dissesti presenti nel territorio comunale.

Nel corso della conferenza stampa è stata illustrata anche l’altra decisione che rappresenta il fulcro del nuovo Piano delle opere pubbliche: finanziare tutti i municipi danneggiati, tutti i cimiteri, dentro e fuori cratere. Si tratta di 31 sedi del Comune e 207 cimiteri che ancora non erano compresi nella ricostruzione pubblica. Nel nuovo elenco sono inoltre presenti 18 interventi, sia dentro che fuori cratere, che comprendono anche palazzi storici e l’adeguamento o miglioramento sismico di edifici strategici. L’impiego dei fondi della Camera consentirà infine di completare alcuni investimenti molto attesi nel cratere, comprese alcune opere rimaste fuori dal finanziamento del Contratto istituzionale di sviluppo (Cis).

Sisma 2016: Nuovo Piano della ricostruzione per le Marche

Il nuovo Piano della ricostruzione pubblica delle Marche viene presentato al termine della riunione del Comitato istituzionale, che raccoglie gli 85 Comuni del cratere marchigiano.

Il finanziamento previsto è pari a 642,5 milioni di euro ed è destinato alla realizzazione di 742 opere e interventi per la ricostruzione post sisma.

Il canale di finanziamento, relativo a opere pubbliche nelle Marche, riguarda tre macro aree di intervento: rigenerazione urbana, opere pubbliche, opere strategiche per il rilancio dell’area del sisma. I primi due canali sono esclusivamente relativi a immobili lesionati dal sisma.

Gli elenchi aggiornati comprendono 469 opere legate alla nuova tranche della Rigenerazione urbana, mentre il nuovo elenco delle opere pubbliche comprende 273 interventi.

Nello specifico:

Per i progetti di rigenerazione urbana, a ciascuno dei 28 Comuni delle Marche del cosiddetto cratere ristretto – quelli che hanno subito i danni maggiori – saranno destinati fino a 6,5 milioni di euro ciascuno, mentre agli altri Comuni del cratere andranno fino a 3,5 milioni. Sempre ai Comuni più danneggiati è riconosciuto un contributo aggiuntivo per la progettazione della mitigazione dei dissesti presenti nel territorio comunale.

Il nuovo Piano delle opere pubbliche prevede il finanziamento di tutti i municipi danneggiati e di tutti i cimiteri, all’interno e fuori dal cratere. Si tratta di 31 sedi del Comune e di 207 cimiteri che ancora non erano compresi nella ricostruzione pubblica.

Nel nuovo elenco sono presenti 18 interventi, sia dentro che fuori dal cratere, che comprendono, tra gli altri, l’adeguamento o miglioramento sismico di edifici strategici e di palazzi storici

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d