Calendario venatorio Marche, Brignone: “Da Pieroni dichiarazioni assurde”

Calendario venatorio Marche, Brignone: “Da Pieroni dichiarazioni assurde”

Calendario venatorio Marche, Brignone: "Da Pieroni dichiarazioni assurde"di BEATRICE BRIGNONE*

ROMA – La posizione della Regione Marche e le dichiarazioni dell’Assessore alla caccia, Moreno Pieroni, in merito al calendario venatorio di prossima apertura sono ingiustificabili sotto ogni profilo.

Secondo Pieroni l’orario ridotto e un riposo nelle ore centrali dell’esercizio di caccia possono tutelare molte specie di uccelli. L’Assessore inoltre evidenzia “l’attenzione” della Regione nel rispetto di un prelievo sostenibile e coerente con la normativa.

Probabilmente dimentica che la normativa vigente in materia di caccia prevede che le aree coinvolte da incendi siano sottratte all’attività venatoria e nelle restanti aree e l’applicazione di restrizioni temporali. La nota Ispra dei giorni scorsi, che chiedeva provvedimenti cautelativi in particolare nei territori interessati da incendi e condizioni climatiche estreme, suggerendo limitazioni all’attività venatoria al fine di evitare grave rischio il nostro patrimonio faunistico, non interessano all’Assessore al quale invece interessano i voti dei cacciatori.

Inoltre ricordo che anche l’art. 51 della legge Regionale Marche n. 8/94 dispone il divieto o la riduzione dell’attività venatoria in particolari condizioni ambientali o climatiche.

Auspico che la Regione Marche si ravveda e disponga l’immediato divieto dell’attività venatoria per il mese di settembre e ponga in essere limitazioni a tutto il periodo della stagione venatoria 2017/2018 al fine di consentire agli habitat e alla fauna di recuperare le condizioni fisiologiche proprio in considerazione del fatto che dopo le elevate temperature, gli incendi e la siccità, gli animali selvatici sono più vulnerabili.

Se la Regione non si assumerà le proprie responsabilità nel rispetto della normativa e della tutela dell’ambiente e della fauna selvatica sarà mia premura interrogare il Ministro dell’Ambiente sulle scelte scellerate poste in essere dal Presidente Ceriscioli e dell’Assessore delegato alla caccia, Pieroni.

*Parlamentare di Possibile

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it