Prestigiosi riconoscimenti della dinastia Obrenovic al console onorario ed al console emerito della Federazione russa di Ancona

Prestigiosi riconoscimenti della dinastia Obrenovic al console onorario e al console emerito della Federazione russa di Ancona

Prestigiosi riconoscimenti della dinastia Obrenovic al console onorario ed al console emerito della Federazione russa di Ancona

Prestigiosi riconoscimenti della dinastia Obrenovic al console onorario e al console emerito della Federazione russa di Ancona Prestigiosi riconoscimenti della dinastia Obrenovic al console onorario e al console emerito della Federazione russa di Ancona

ROMA – Nel corso di una solenne cerimonia celebratasi presso la Basilica di San Vitale, in Via Nazionale, a Roma, il Console Onorario della Federazione Russa di Ancona, avv. Marco Ginesi, ha ricevuto, dalle mani del Principe Luigi Maria Picco di Montenero e Pola, Capo della dinastia Reale e Imperiale Picco, Lavarello, Obrenovic, di Serbia, Bosnia e Costantinopoli, contemporaneamente il Rango di Gentiluomo d’Onore e il Grado di Grande Ufficiale ad Honorem del Sacro Ordine Imperiale Militare Nemagnico Angelico Costantiniano di San Giorgio e Santo Stefano di Rito Orientale, “in riconoscimento della Sua vita esemplare, della Sua competenza professionale e della sua dedizione ai valori etico cristiani caritatevoli e cavallereschi nonché per il servizio reso alla Comunità culturale e per il continuo comprovato mecenatismo”, come recita l’ apposito decreto in conformità del Reale Ukase 18-11-1972/XVII, R.O.L.D. prot. XII/RN prot- 033/72, registrato il 21/11/1972, XVII del 13 Ottobre 1992 ed in forza della Sentenza della Camera Araldica Internazionale del 15 maggio 2012, passata in giudicato in tutto il territorio nazionale, con sentenza del Tribunale di Massa il 21 febbraio 2013, a firma autografa del Capo della Reale ed Imperiale Dinastia.

Nella stessa circostanza, al Console Emerito Prof. Armando Ginesi, già insignito due anni fa del Grado di Cavaliere di Gran Croce ad Honorem dell’Ordine sunnominato, è stato conferito il titolo nobiliare di Patrizio Bizantino, con la seguente motivazione “Per la fedeltà dimostrata sempre alla Nostra Reale ed Imperiale Persona”, secondo quanto stabilito dall’apposito decreto firmato autografo dal Principe Luigi Maria Picco di Montenero e Pola, Principe di Antica Serbia, di Laudicea e Mistra, Gran Duca di Arcadia, Cesare della Nuova Roma, Basileus di Costantinopoli, Gran Maestro degli Ordini Equestri Propri della Sua Casa, Servo dei Servi di Dio.

Il titolo, assegnato motu proprio, è dichiarato “Ereditario ed ereditabile per primogenitura, secondo le leggi araldiche della Nostra Reale ed Imperiale Casa e stabilisce che il Patrizio N.H. Prof. Armando Ginesi innalzi le Armi araldiche proprie della Sua Famiglia incluse in uno scudo di foggia illirica, il tutto sormontato da una Corona Nobiliare di Patrizio Bizantino. Sotto lo scudo, su uno svolazzo bifido di seta rossa, il Motto della sua famiglia in lettere latine nere (Vir Eruditus Magister Vitae). A Lui e ai suoi famigliari spetta il titolo di Eccellenza”.

Alla solenne cerimonia, svoltasi al termine di una Sacra Liturgia presieduta da Mons. Daniele Micheletti, Arciprete della Basilica di San Vitale e del Pantheon di Roma, celebrata da Mons.Bruno Gagliarducci, Prelato di Sua Santità il Papa e concelebrata da Mons. Patrick Incorvaja, da don Raffaele Antonacci e da don Antony Marco Debattista. hanno preso parte autorità civili, militari, diplomatiche, culturali tra cui Il Duca Henrikus Hermanus Ruijgrok, Console Generale Ordinario del Regno di Thainlandia per L’Europa; Constantin Van Blatton, Console Onorario della Federazione Russa in Olanda; il Colonnello Giuseppe Donnarumma del Comando Provinciale Carabinieri di Roma; il comm. Dott. Sante DE Angelis, Rettore dell’Accademia Bonifaciana di Anagni; Sua Altezza Reale e Imperiale Principe Lonardo Salomone Navarra della Torre d’Oriente, Gran Maestro del Sovrano Ordine Imperiale Costantiniano Angelico di San Giorgio della Milizia Aurata d’Oriente; Sua Altezza Reale Dona Mario Paciotti di Montefabbri Amoroso d’Aragona, Gran Maestro dell’Ordine Militare e Ospedaliero di San Giovanni D’acri e San Tommaso; Sua Altezza Serenissima Don Michele Maria Biallo, Barone d’Avola Colattuvo, XXIV Governatore Generale dell’Ordine di San Giorgio di Borgogna; il dott. Sergey Starstev, Direttore per l’Italia dell’Agenzia di Stampa RIA NOVOSTI di Mosca; il Dott. Alfonso Piscitelli, giornalista Rai; Dott.ssa Helena Nawrocha, filologa della lingua russa, eccetera.

Nelle circostanza sono stati nominati alcuni nuovi Cavalieri e Dame dell’Ordine Cavalleresco suddetto. I Consoli della Federazione Russa insigniti erano accompagnati dal Segretario Generale dell’Associazione Amici dell’Italia e della Russia Avv. Iacopo Casini Ropa e dal Coordinatore della Segreteria Consolare di Ancona Cav. Renato Barchiesi, anch’egli già insignito, a suo tempo, con il Rango di Gentiluomo d’Onore e Commendatore ad Honorem dell’Ordine.

Nelle foto: alcuni momenti della cerimonia; in alto, sopra il titolo: Marco Ginesi, Luigi Maria Picco e Armando Ginesi

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it