Matteo Ricci: “Impianti, eventi, turismo: ecco le sfide della città dello sport”

Matteo Ricci: “Impianti, eventi, turismo: ecco le sfide della città dello sport”

Agli Stati Generali il sindaco di Pesaro interviene parlando anche del Giro d’Italia e del futuro. Da praticanti e volontari passione e orgoglio

PESARO – Atleti, squadre e società. Alla Pescheria, per gli Stati Generali, si schiera «l’orgoglio della città dello sport». Matteo Ricci li definisce praticanti e volontari «con una grande valenza sociale». Perché «quando i nostri figli vanno in un campo, o in una palestra, trovano allenatori ma anche formatori. Che sostengono la loro crescita con valori sani». Il lavoro del mandato, scandisce, «è stato segnato dagli investimenti sugli impianti. Stiamo intervenendo su tutte le strutture, di ogni tipologia».

L’obiettivo resta «candidarci per ospitare qualsiasi manifestazione sportiva. Non solo danno visibilità alla città, ma sostengono anche il turismo. Lo sport può aiutarci a destagionalizzare». Con il Coni, aggiunge Ricci, «abbiamo strutturato una grande collaborazione. E insieme ci siamo posti sfide sempre più grandi, candidandoci per i Mediterranean Beach Games 2023 e i Giochi del Mediterraneo 2025. Una delle due vogliamo portarle a casa. Sappiamo che i Beach Games – prosegue – sono un po’ più alla nostra portata. Perché potremmo organizzarli interamente in città. Se riuscissimo, invece, a giocare la partita dei Giochi del Mediterraneo, dovremmo costruire alleanze con le città della costa. La costruzione della proposta, però, dà una prospettiva alla direzione di marcia». Del resto, «abbiamo un palasport importante come la Vitrfrigo Arena».

Oltre a due piscine: «Una quasi finita, l’altra con lavori di ristrutturazione in partenza: entrambe possono offrire grandi risvolti sul nuoto» (riferimento a via Togliatti e parco della Pace, ndr)». Ora, insiste il sindaco, «dobbiamo risolvere il tema dello spazio di allenamento per il ciclismo. Serve un grande impianto: sarà la priorità nei prossimi mesi. Nel frattempo lavoreremo per la soluzione temporanea nella zona della ex Fiera (‘con un anello di circa 1600 metri, grazie alla disponibilità di Thormax, che ci ha dato la possibilità di utilizzare il maxiparcheggio’, precisa Enzo Belloni’)».

Da Ricci arriva ancora l’accento sulla passione: «Quando abbiamo ottenuto il riconoscimento di ‘città europea dello sport’, tutte le società hanno capito di averci messo un tassello. Con la loro fatica e l’impegno quotidiano. La città dello sport è fatta da queste persone: se ci daranno una mano ancora, faremo ulteriori passi avanti». Si parla della tappa del Giro d’Italia del 18 maggio con Claudio Chiappucci, nel dibattito condotto da Marco Ardemagni: «Una tappa con un chilometraggio importante, che potrebbe essere segnata da una fuga da lontano. Il finale è tortuoso: non sarà scontato l’arrivo in volata. Conosco bene la Panoramica. L’ho fatta anche al Giro, in una cronometro», dice il vincitore della Milano-Sanremo del ’91.

Anticipa il sindaco: «Stiamo pensando a un po’ di cose in vista dell’evento (accenna a una ‘biciclettata umana’, senza dire di più). Alcuni monumenti della città saranno illuminati di rosa. Il Giro è il massimo per enfatizzare la bellezza del San Bartolo. La tappa sarà una fotografia che aprirà, simbolicamente, la stagione estiva», puntualizza Ricci.

I NUMERI – L’assessore Mila Della Dora cita i tre asset: «Investimenti per le infrastrutture; politiche di gestione, accessibilità e manutenzione degli impianti; organizzazione di eventi sportivi nazionali e internazionali». Menzionando i numeri: «191 impianti, 35mila tesserati, 394 associazioni». Tra le manifestazioni ospitate, «39 eventi nel 2016, 24 nel 2017, 38 nel 2018». Incluse «Coppa Davis, Mondiali di ginnastica ritmica, World League di volley, Golden Age Gym Festival, World Cup di ginnastica ritmica, European Swim City, Final Eight di calcio a 5, campionato italiano indoor di pattinaggio di velocità, Adriatic Games, Wave on Wave», specifica Della Dora. Ancora: «Sulla manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti abbiamo investito 101mila euro nel 2016, 395mila euro nel 2017, 99mila euro nel 2018. Acquistando più ore nelle strutture, con un incremento di 120 ore a settimana negli anni. La media settimanale è di 1400 ore. Siamo arrivati a 34 palestre, utilizzate quotidianamente da chi fa sport». Poi gli investimenti sulle attrezzature (63mila euro nell’ultimo triennio), la promozione delle manifestazioni, le attività per inclusione sociale, prevenzione e giovani. Passando per la «Pesaro cardioprotetta», il progetto «Gioco in movimento», la «bandiera azzurra 2018». Nei video scorrono i pensieri dei pesaresi coinvolti nel settore. Maestre, negozianti, titolari di palestre, atleti. «Per me lo sport è passione e determinazione», spiega la campionessa Elisabetta Vandi. Un concetto che pare condiviso dagli altri interpellati nel filmato.

IMPIANTI – Tra i lavori del mandato, menzionati anche dall’assessore Enzo Belloni, «la straordinaria manutenzione della palestra di via Londra; la riqualificazione e insonorizzazione del Pala3; la nuova copertura al Pala Snoopy di Villa Fastiggi; i campi a otto e a undici in sintetico all’Arzilla; la sistemazione della copertura del palasport; gli interventi sulle palestre della Celletta, delle scuole Pirandello e Galilei e in via Bassi; la sistemazione del Campo Scuola; la riqualificazione del beach volley e del beach tennis in viale Trieste; la sostituzione dei tabelloni e la verniciatura nel campo da basket Nike; i gradoni nel campo da calcio del Villa San Martino; la tribuna del campo da rugby; la riqualificazione dello stadio Benelli». Tra gli interventi in cantiere o in corso «ristrutturazione del centro calcistico a Villa Fastiggi; pista da skate e pump track al Parco XXV Aprile;  pista di pattinaggio a Villa Fastiggi (sinergia pubblico-privato); ristrutturazione della tribuna del campo di Santa Veneranda e dell’impianto di Borgo Santa Maria; riqualificazione nel sintetico di Muraglia; ristrutturazione dell’impianto in via Liri; nuovo bocciodromo; realizzazione del campo da rugby supplementare; riqualificazione del vecchio palas in viale dei Partigiani; ristrutturazione di PalaF e PalaD a Campanara». (f.n.)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it