Cgil, Cisl e Uil Marche criticano la variazione di bilancio della Regione

Cgil, Cisl e Uil Marche criticano la variazione di bilancio della Regione

Alcune risposte positive ma restano molte criticità sulle tariffe agevolate dei trasporti, sulla spesa sociale e sulle rette dei servizi socio-sanitari

Cgil, Cisl e Uil Marche criticano la variazione di bilancio della Regione

ANCONA – Cgil Cisl Uil Marche avevano espresso la necessità che le variazioni al bilancio di previsione intervenissero prioritariamente per affrontare  gli effetti perduranti della crisi finalizzando le risorse in particolare sulle politiche sociali e della salute, sul trasporto pubblico locale, sul diritto allo studio e sulla casa.

Rispetto a tali priorità, con le variazioni adottate, il bilancio contiene risposte positive su alcune questioni mentre su altre, la Giunta regionale, confermando l’esclusione di tagli, si è impegnata a garantire il mantenimento del necessario livello di spesa, attraverso la manovra di assestamento e integrando le risorse disponibili a bilancio con quelle attivabili dai Fondi Comunitari, statali e di settore.

In particolare, si danno positive risposte sul tema del diritto allo studio universitario e ai problemi della casa attraverso il finanziamento – nel triennio 2016-2018 – delle borse di studio (6 mln), del fondo per morosità incolpevoli degli inquilini (500 mila) e del fondo affitti per famiglie meno abbienti (1 mln).

Per quanto riguarda il Trasporto Pubblico Locale, si completerà la copertura finanziaria con lo stanziamento di ulteriori 27 mln nel triennio 2016-2018, in occasione dell’assestamento di bilancio; sul fronte delle Politiche sociali, i servizi rivolti ad anziani, disabilità, famiglia, infanzia ed altri interventi sociali, saranno garantiti per il 2016 con circa 64 mln complessivi attraverso l’integrazione di risorse proprie con i Fondi comunitari, Fondi Statali, Fondo nazionale sanitario attivabile per spese socio-sanitarie.   La mancanza, tuttavia, di un quadro d’insieme che comprenda anche le risorse dei Comuni, continua a destare preoccupazione sull’effettiva copertura finanziaria di tutti i servizi.

Costituiscono serie criticità anche per il sostegno alle agevolazioni tariffarie dei trasporti, per il quale in attesa di una verifica dei criteri di erogazione, non si prevedono risorse sufficienti per garantire la spesa storica ma anche rispetto al finanziamento del Fondo di solidarietà necessario per evitare alle famiglie il carico dell’aumento delle tariffe per i servizi socio-sanitari erogati dalle strutture residenziali e semiresidenziali. Temi su cui auspichiamo specifiche risposte in sede di assestamento.

Rispetto all’esito della variazione di bilancio, CGIL CISL UIL Marche, nel prendere atto degli impegni assunti dalla Giunta regionale a garantire il mantenimento della spesa sui settori più sensibili per i cittadini e lavoratori colpiti dalla crisi ,  vigileranno sulla coerenza degli atti che dovranno essere conseguenti agli impegni assunti, rivendicando un confronto più complessivo sulle politiche regionali così da individuare le priorità per determinare un quadro organico in relazione all’insieme degli strumenti attivabili. Ciò che, fino ad oggi, è mancato.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it