GROTTAMMARE

GROTTAMMARE

GROTTAMMAREIl borgo di Grottammare si presenta arroccato sul ciglio di un colle affacciato sul mare Adriatico.

Il nucleo antico, fatto di case rustiche e viuzze medievali, è chiamato popolarmente “il vecchio incasato” (mentre il nome storico è “Castrum Gruptarum ad Tisinum”); si stringe attorno ai resti della rocca dell’XI secolo ed è circondato dalle mura.

GROTTAMMARELungo il percorso murario è da visitare il Torrione della Battaglia, fortificazione del XVI secolo recentemente recuperata, nella quale è ospitato il museo dedicato a Pericle Fazzini, scultore di Grottammare famoso per la “Resurrezione” della Sala Nervi in Vaticano. è bello percorrere lentamente le stradine del borgo, che diede i natali a Papa Sisto V, e del quale si incontrano le memorie: la Chiesa di San Giovanni Battista, che è ora sede del Museo Sistino, con gli oggetti donati dal Pontefice al suo paese d’origine, la cinquecentesca Chiesa di Santa Lucia, voluta dallo stesso papa nelle vicinanze della sua casa natale, e il Teatro dell’Arancio, del ‘700, che presenta sulla facciata una statua del papa.

I dintorni del nucleo storico sono deliziati da una vegetazione mediterranea che comprende aranceti e agavi. Il paese basso è contraddistinto da interessanti villini liberty che si concentrano soprattutto lungo viale Colombo. Il lungomare è uno dei più caratteristici della regione, con la sua lussureggiante fila di palme, importate dalle Canarie nei primi anni del ‘900.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: