Zaffiri non accetta lezioni da Ceriscioli: “La gestione della sanità nelle Marche è un problema molto serio”

Zaffiri non accetta lezioni da Ceriscioli: “La gestione della sanità nelle Marche è un problema molto serio”

ANCONA – Il capogruppo della Lega Sandro Zaffiri non accetta lezioni da Ceriscioli. “La gestione della sanità nelle Marche è un problema molto ma molto serio e non è con spot allarmistici come quelli lanciati oggi che potrà sottrarsi al giudizio dei cittadini ai quali ha chiuso gli ospedali e i punti nascita, arrivando anche a togliere recentemente i rimborsi spesa per le terapie oncologiche, per non dire della crisi dell’Area Vasta 2 dopo le dimissioni del dott. Coacci.

“Non è scaricando le colpe sul Governo nazionale e su Salvini – afferma Zaffiri – che potrà riacquistare la fiducia dei cittadini, che anche alle ultime elezioni si sono espressi in maniera netta e decisa contro il suo Pd.

“Anche oggi in Commissione Sanità non abbiamo sentito – prosegue Zaffiri –  dalla Dirigenza ASUR quelle risposte che invece avremmo voluto.

“Nonostante i proclami dei giorni scorsi da parte di Ceriscioli, il problema degli accorpamenti dei servizi nel periodo estivo rimane e rimane anche la preoccupazione che non siano provvisori ma definitivi, vista la facilità con cui il nostro Governatore da sforbiciate a destra e a manca.

“Si continua a navigare a vista su un servizio così delicato come quello della sanità. Le risorse per i servizi non ci sono ma per le assunzioni inutili si.

“I più deboli vengono lasciati senza assistenza – prosegue Zaffiri -, parlo degli oltre 1500 bambini che hanno patologie neurologiche, neuropsicologiche e disturbi nell’apprendimento, nonché della eliminazione dell’assistenza oculistica pediatrica.

Ceriscioli stai sereno la Lega è capace di governare la sanità e lo dimostrano i tuoi colleghi del Veneto, della Lombardia e del Friuli Venezia Giulia, che sono ben lontani dalla tua penultima posizione nella classifica di gradimento dei Governatori”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it