Per la Lube Civitanova esordio in casa bagnato con un’altra vittoria: 3-0 su Ravenna

Per la Lube Civitanova esordio in casa bagnato con un’altra vittoria: 3-0 su Ravenna

CIVITANOVA MARCHE – Aspettative rispettate nell’esordio stagionale della Cucine Lube Civitanova davanti al suo pubblico dell’Eurosuole Forum. I vice campioni del mondo allenati da Giampaolo Medei si impongono in tre set al cospetto di una buona Consar Ravenna (25-19, 25-23, 25-18), regalando ai 3 mila spettatori dell’Eurosuole Forum una vittoria figlia di una squadra che deve ancora rodare i propri meccanismi ma già carica di determinazione, griffata in attacco dal terzetto di fattura cubana Leal-Juantorena-Simon, con quest’ultimo che approfitta della prima da titolare del recuperato Sokolov per tornare nel suo ruolo naturale di centrale (a scapito di Stankovic), in diagonale con Cester.

Proprio il giocatore veneto è decisivo nel primo parziale per scardinare con la sua float la ricezione degli avversari, autori di una buona partenza (5-7) sulla scia di un ottimo Rychlicki (5 punti). Cester è velenosissimo dai nove metri, consentendo all’applauditissimo Bruno di pigiare sull’acceleratore affidandosi nelle rigiocate soprattutto a Juantorena (7 punti, 88% di efficacia sulle schiacciate), fino al 25-19 finale.

Nel secondo parziale Ravenna tiene botta per bene fino al 16-17, poi sembra mollare quando Bruno mura a uno Raffaelli facendo esplodere l’Eurosuole Forum e lanciando un concreto tentativo di fuga della Cucine Lube. Che avanti 22-19, con un bel 4-1 nel parziale nel computo dei blocchi vincenti e Juantorena al 67% di efficacia in attacco, deve però rimboccarsi nuovamente le maniche dopo un ace del solito Rychlicki e il successivo errore di Sokolov, che tutto in parità sul 22-22. I biancorossi, infine, chiudono 25-23 dopo un mani-out vincente di Leal rilevato dal video check, ed un errore in attacco del bomber lussemburghese della Consar, autore di altri 6 punti (50% in attacco).

E il copione non cambia neppure nel terzo set: Ravenna fa il suo, giocando a metà parziale anche la carta Lavia al posto di Raffaelli per provare a sistemare la ricezione. Ma nel momento decisivo è sempre la Cucine Lube Civitanova a trovare la zampata vincente, con le sue bocche di fuoco che risultano nuovamente infallibili sui contrattacchi. Juantorena firma il muro del +5 sul 21-16, un gap che costringe Ravenna a depositare definitivamente le armi. Finisce 25-18, con il bomber caraibico della Cucine Lube e della nazionale Italiana eletto Mvp della sfida: per Osmany 14 punti, con il 65% di efficacia sulle schiacciate e il 65% in ricezione su 17 palloni giocati, cui va aggiunto un muro vincente.

Il tabellino 

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Sokolov 7, D’Hulst 1, Marchisio n.e., Juantorena 14, Massari n.e., Stankovic n.e., Diamantini n.e., Leal 13, Sander n.e., Cantagalli, Cester 5, Simon 11, Bruno Rezende 5, Balaso (L). All. Medei.

CONSAR RAVENNA: Russo 4, Rychlicki 13, Di Tommaso n.e., Pglajen 7, Raffaelli 6, Saitta 1, Verhees 5, Goi (L), Argenta n.e., Elia n.e., Smidl, Marchini n.e., Lavia. All. Graziosi.

Arbitri: Braico (TO) – Giardini (VR).

Parziali: 25-19 (25-19), 25-23 (31’), 25-18 (26’).

Note: spettatori 3047, incasso 29545 Euro. Cucine Lube: battute sbagliate 15, ace 3, muri vincenti 7, 59% in attacco, 53% in ricezione (14% perfette). Ravenna: battute sbagliate 11, ace 1, muri vincenti 3, 46% in attacco, 43% in ricezione (10% perfette).

Le interviste ai biancorossi

Osmany Juantorena: “Ravenna ha provato a renderci la vita difficile, è una squadra che gioca benissimo e a tratti ci ha fatto soffrire. Abbiamo vinto 3-0 ma siamo ancora lontani dalla nostra miglior performance. Bisogna allenarsi tutti i giorni e lavorare tanto, c’è tanto margine di miglioramento e sono convinto che per il Mondiale per Club saremo tutti al top”.

Tsvetan Sokolov: “Oggi c’è stato il mio rientro in campo per una gara intera, non è andata come volevo perché ho ancora tanto da lavorare ma piano piano tornerò al meglio. Fisicamente mi sento bene, in campo ancora mi aspettano tanti allenamenti con la squadra per migliorare: dopo quasi 5 mesi dall’intervento sto lavorando ogni giorno per ritornare, grazie anche al grandissimo lavoro dello staff medico”.

Giampaolo Medei: “Dobbiamo ancora fare un bel po’ di passi avanti, questa Lube deve crescere e migliorare ma vincendo, il risultato è l’aspetto più importante e lo sappiamo. Stasera ci siamo costruiti più il gioco rispetto a Padova, mi aspettavo una partita difficile e così è stata contro una squadra come Ravenna con giocatori di qualità e che sbaglia pochissimo. Ovviamente diverse situazioni vanno migliorate, abbiamo però rimesso in campo Sokolov e ritrovato Simon come centrale: una prova comunque soddisfacente”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it