Una Lube Banca Marche da urlo anche in Gara 2

Una Lube Banca Marche da urlo anche in Gara 2

Una Lube Banca Marche da urlo anche in Gara 2

Nei quarti di finale dei play off Latina battuta 3-0. Gli uomini di Blengini avranno la possibilità di conquistare la semifinale in Gara 3 che andrà in scena all’Eurosuole Forum domenica

Una Lube Banca Marche da urlo anche in Gara 2 Una Lube Banca Marche da urlo anche in Gara 2

LATINA – In Gara 2 dei quarti di finale playoff la Cucine Lube Banca Marche espugna il Pala Bianchini di Latina con un secco 3-0 (25-21, 25-17, 25-15), guadagnandosi tre match point per la qualificazione alla semifinale tricolore.
Ora avanti 2-0 nella serie, gli uomini di Blengini avranno infatti la possibilità di conquistare la semifinale in Gara 3 che andrà in scena all’Eurosuole Forum domenica prossima, successivamente all’importante impegno casalingo di Champions League in calendario per giovedì 17.
Partita a senso unico quella andata in scena nella città pontina, dove con Fei fermo ai box per un problema muscolare, rispetto a Gara 1 Blengini ha cambiato schierando il recuperato Miljkovic in diagonale al regista americano Christenson (il capitano era reduce da un attacco influenzale che lo aveva colpito a inizio settimana), e Stankovic a formare la coppia di centrali con Cester. Trovando nel martello sloveno Klemen Cebulj, Mvp della sfida, un gran trascinatore nel corso di tutti tre i set giocati (14 punti finali, 73% in attacco, 62% in ricezione su 16 palloni, 1 muro e 2 ace), che hanno messo in vetrina una Cucine Lube Banca Marche solida in tutti i fondamentali e particolarmente concreta in attacco (63%), specie nell’importantissima fase di cambio palla.
Nel primo parziale, dopo un avvio equilibrato i biancorossi pigiano sull’acceleratore con un ace di Juantorena e i muri di Stankovic (su Sket) e Cebulj (17-12), che chiuderà il primo periodo, vinto dai cucinieri 25-21, con 6 punti e un ottimo 67% di positività sulle schiacciate. Troppo fallosa la squadra pontina per impensierire quella di Blengini, che nel secondo set prende il largo sin dall’inizio favorita da due difese di capitan Miljkovic (11 punti finali), preziosissimo non solo in attacco, che consentono al top scorer Juantorena (7 punti nel parziale, 16 in totale col 59% sulle schiacciate) di firmare il 9-6. La Lube incide in attacco con tutti i suoi uomini (75% di efficacia di squadra), dall’altra parte della rete Placì prova invece a inserire Pavlov per Hirsch, nel tentativo di alzare l’efficacia delle sue bocche di fuoco (solo 38%, si salva il solo Maruotti col 67% su 3 attacchi). E la cucine Lube Banca Marche, avanti 18-14 dopo l’ace di un inarrestabile Juantorena, nel finale dilaga sul turno al servizio di Cester, che chiuderà la partita col 100% sui primi tempi e con la sua float manda in tilt la ricezione di casa, consentendo a Christenson di impostare i contrattacchi decisivi sfruttando le puntualissime coperture di Grebennikov. Finisce 25-17.
E il terzo set si mette subito in discesa: ace di Cebulj seguito da un muro di Stankovic su Maruotti per l’immediato +4 (9-5), che diventa + 5 dopo i contrattacchi di Juantorena e Cebulj che scrivono il 14-9. Nel finale, Stankovic (9 punti, 83% in attacco) mette il sigillo sul 3-0 mettendo a segno addirittura tre ace consecutivi.

Il tabellino
NINFA LATINA: Krumins n.e., Mattei n.e., Sottile, Sket 5, Pavlov, Ferenciac n.e., Romiti (L), Tailli, Hirsch 10, Yosifov 6, Rossi 3, Maruotti 7. All Placì.
CUCINE LUBE BANCA MARCHE CIVITANOVA: Parodi n.e., Juantorena 16, Vitelli n.e., Stankovic 9, Priddy n.e., Kovar n.e., Christenson 2, Cester 4, Grebennikov (L), Miljkovic 11, Corvetta n.e., Cebulj 14, Podrascanin n.e.. All. Blengini.
ARBITRI: Bartolini (FI) – Simbari (MI).
PARZIALI: 21-25 (28’), 17-25 (24’), 15-25 (21’9.
NOTE: Ninfa bs 13, ace 1, muri 4, errori 4, ricezione 35% (11% prf), attacco 40%. Lube bs 18, ace 8, muri 3, errori 2, ricezione 62% (38% prf), attacco 63%.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI DOPO GARA 2

GIANLORENZO BLENGINI“Gara 1 come certamente ricorderete è stata una partita al cardiopalma, molto sofferta. Stasera, invece, siamo riusciti ad approcciare il match con grande attitudine e soprattutto con un atteggiamento importante, quello che volevo io. Credo che la squadra abbiadimostrato non solo di avere un gran voglia di vincere, ma anche di possedere la capacità di restare sempre in campo con attenzione, punto dopo punto. E questo è un fattore fondamentale nei play off scudetto. Dall’ultima palla caduta a terra di oggi, mettiamo da parte il discorso campionato e pensiamo alla partita di giovedì per i quarti di Champions League. Ankara è piena di campioni, il fatto che ha eliminato Modena basta a rendere l’idea di quanto si tratti di una squadra forte, con tanti giocatori di livello. Come noi, d’altra parte. Sarà quindi una grande gara, molto gustosa per il pubblico che vorrà venire all’Eurosuole Forum. E’ un evento molto importante, giovedì a Civitanova aspettiamo un pubblico numeroso e caloroso a sostenerci”.

IVAN MILJKOVIC: “Dopo Gara 1 abbiamo cambiato alcuni aspetti, visto che avevamo sofferto parecchio. Stasera abbiamo avuto la gara sempre in pugno, una prestazione importante e determinata da parte nostra, e si tratta dunque di un buon segnale, specialmente in questo momento della stagione pieno di partite fondamentali come quella di giovedì in casa con Ankara. Poi, domenica prossima, penseremo a Gara 3. Adesso, però, testa alla Champions: l’Halkbank è fatta di grandi giocatori e ha dimostrato con Modena di giocare sempre ad altissimo livello”.

DRAGAN STANKOVIC: “Stasera abbiamo avuto un ottimo approccio rispetto a Gara 1, dove eravamo partiti male. Qui al Pala Bianchini si è visto un cambio palla fluido, che ci ha aiutato anche a concretizzare parecchi contrattacchi. Una vittoria netta, che ci permette di essere sul 2-0 nella serie con Latina. Ma a gara 3 penseremo soltanto più avanti, ora ci concentriamo sull’appuntamento europeo di giovedì prossimo a Civitanova contro Ankara, momento fondamentale della nostra stagione”.

MICAH CHRISTENSON: “Vittoria importante quella conquistata questa sera, ma a renderci felici è soprattutto la prestazione con cui ce la siamo guadagnata. In Gara 1 abbiamo rischiato tanto, troppo, qui a Latina invece siamo scesi in campo con l’approccio giusto, tenendo il pallino del gioco sempre ben saldo nelle nostre mani. Una prova d’autorità, la definirei, che spero possa essere di buon auspicio per i nostri prossimi impegni, a cominciare da quello di giovedì prossimo all’Eurosuole forum contro Ankara, per la Champions League. Da questo momento siamo concentrati su quella partita, ma guai a pensare che la qualificazione alla semifinale scudetto sia già cosa fatta. Domenica prossima Latina verrà a Civitanova nuovamente agguerrita, ogni traguardo va dunque sudato, dobbiamo esserne assolutamente consapevoli”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: