Falà: “Le primarie di Ancona una splendida festa di democrazia”

Falà: “Le primarie di Ancona una splendida festa di democrazia”

di JACOPO FRANCESCO FALÀ*

ANCONA – Le Primarie della coalizione di centrosinistra “Progetto Ancona” hanno rappresentato una splendida festa di democrazia a cui il Partito Democratico ha orgogliosamente partecipato mettendo in campo i suoi valori, le sue idee, la sua capacità organizzativa, i suoi militanti sempre straordinari per impegno e generosità.

Ida Simonella (nella foto), avendo vinto con 1.958 voti, pari al 50,58% dei consensi, sarà la candidata sindaca di tutto il centrosinistra anconetano.

Carlo Pesaresi, che ha ottenuto 1.913 voti, pari al 49,42% dei consensi, ha dato un enorme contributo alla buona riuscita della consultazione: sia per l’apporto di idee e proposte valide e significative, sia per la capacità di mobilitazione di un elettorato ampio che ha ritenuto di riconoscersi nella proposta di “Progetto Ancona”.

Hanno votato quasi 4.000 cittadini anconetani, un dato eccellente, in controtendenza rispetto al costante aumento dell’astensionismo e del disinteresse per la politica.

Serve ora, e auspichiamo in questo senso responsabilità e buon senso da parte di tutti e tutte, la massima unità di intenti per affrontare insieme la vera sfida che attende il centrosinistra, ovvero le elezioni amministrative del 2023.

Ritengo che vadano contrastate fortemente quelle ricostruzioni fuorvianti e dannose che leggono la competizione svoltasi nel contesto delle primarie come uno scontro tra un presunto “PD della Ztl” contro un presunto PD popolare che sa parlare alle periferie, o come uno scontro tra il “vecchio” e il “nuovo”, tra giunte del passato e giunte dell’oggi.

In realtà, abbiamo semplicemente assistito a una sana contesa su metodi e contenuti, vedendo un confronto tra calibrature diverse in cui può essere interpretato e arricchito il programma condiviso della coalizione.

Viene ora il tempo del coinvolgimento, del riconoscimento di una pari dignità ai sostenitori dell’una e dell’altra candidatura, dell’armonia, della capacità di fare squadra.

Il nostro partito ha dimostrato in più occasioni di essere in grado di costruire unità a partire da legittime piattaforme di partenza diverse, così come ha dimostrato di poter coniugare nelle città consenso nelle “Ztl” e consenso nelle periferie.

Penso per esempio alle splendide vittorie ottenuto quest’anno alle elezioni comunali di Jesi e Fabriano, risultati costruiti essenzialmente grazie a un ampio consenso raccolto nelle frazioni, nelle periferie, a cui si è aggiunto un radicamento importante nei centri storici.

Anche ad Ancona, dimostreremo di essere più forti delle divisioni e delle polemiche, lavorando in sinergia per confermare il centrosinistra al governo del capoluogo.

*Segretario provinciale Partito democratico – Ancona

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: