Un pomeriggio speciale con Achille Lauro per i piccoli pazienti dell’ospedale di Ancona / Foto

Un pomeriggio speciale con Achille Lauro per i piccoli pazienti dell’ospedale di Ancona / Foto

ANCONA – È stato un pomeriggio davvero speciale quello di ieri agli Ospedali Riuniti di Ancona, che hanno ricevuto la visita di Achille Lauro poche ore prima del suo concerto a Pescara.

Un appuntamento straordinario del “tour parallelo” che l’artista sta compiendo nei reparti pediatrici di alcuni ospedali italiani e che a Torrette ha voluto incontrare i bimbi della cardiochirurgia pediatrica e i pazienti del Centro Clinico NeMO, la settima sede dei Centri Clinici impegnati nella cura e nella ricerca sulle malattie neuromuscolari.

Una visita che ha regalato emozioni e ha donato ai giovani pazienti il sogno di continuare a credere che tutto sia possibile, nonostante la sfida di dover affrontare una malattia complessa. Ed è proprio così, perché Achille Lauro, accolto dal neo Direttore Sanitario, Claudio Martini, dal Direttore Medico di Presidio Leonardo Incicchitti e dal Direttore della Cardiochirurgia Pediatrica, Marco Pozzi, ha incontrato i piccoli rispondendo all’invito di essere con loro in reparto.

Una festa di sorrisi e di giochi. Bimbi, genitori, operatori, medici e direttori, insieme, come racconta il neo Direttore Sanitario, Claudio Martini: “Oggi è stata una bella giornata, vedere i sorrisi sui volti di questi bimbi mi ha riempito il cuore di gioia.  E’ incredibile come semplici gesti creino un’energia e una forza interiore che ci fanno sentire, anche durante un ricovero ospedaliero, sereni e invincibili. Ringrazio Achille Lauro per la bellissima sorpresa che ha illuminato la giornata dei bambini e delle loro famiglie”.

E poi la visita è continuata al Centro NeMO, dove Lauro, accompagnato dal team multidisciplinare degli operatori, ha dedicato un’attenzione speciale ad ogni paziente, soffermandosi in ogni camera del reparto e incontrando poi gli ospiti più giovani nella palestra. Un momento di straordinaria di semplicità, fatto di ascolto, di scambio di esperienze, di progetti, di confidenze e tante risate, come si fa quando si incontra un amico.

Sì, perché la visita di Achille Lauro al NeMO Ancona nasce proprio da una storia di amicizia, tanto impensata quanto vera, tra l’artista e Franceso Venturi, giovane poeta marchigiano, paziente del Centro, che fin da piccolo convive con la distrofia muscolare di Duchenne e con la grande passione per la poesia. È Lauro che dedica la prefazione e postfazione alla sua opera prima “TUTTO DI ME”, una raccolta di poesie e “flussi di pensiero”, così come li definisce il giovane autore.

E proprio ieri, 7 settembre, si è celebrata la IX Giornata mondiale la Giornata mondiale sulla Distrofia di Duchenne e Becker, la patologia genetica rara di cui è affetto Francesco e che coinvolge oggi oltre 250.000 persone in tutto il mondo. E come le coincidenze che accadono quando i sogni si realizzano, insieme a Lauro, si è celebrato il peso della leggerezza di chi ama la vita e la sua bellezza, nonostante il limite, come il palloncino rosso simbolo della Giornata, che sa prendere il volo e andare lontano, nonostante la sua fragilità.

“È straordinario per noi celebrare la giornata mondiale di sensibilizzazione sulla distrofia di Duchenne con il messaggio di possibilità e talento che Achille Lauro ha donato ai nostri ragazzi – dichiara Alberto Fontana, presidente dei Centri Clinici NeMO – Oggi abbiamo avuto l’opportunità di condividere il desiderio di vita e di progetti per il futuro; di raccontare il coraggio di affrontare i propri limiti, senza il timore della complessità della malattia. Abbiamo celebrato la bellezza di esserci l’uno per l’altro, nell’amicizia e nel valore della cura che il Centro NeMO rappresenta per tutte le famiglie che vivono l’esperienza di una malattia neuromuscolare.”

Un pomeriggio speciale insieme ad un amico, è stato il tempo trascorso con Achille Lauro agli Ospedali Riuniti di Ancona che, con grande disponibilità, ha anche firmato autografi, fatto selfie e scatti fotografici, con tutti coloro che si sono avvicinati con garbo per chiedergli di immortalare quel momento. E lui, come si fa con gli amici, con delicatezza ha continuato a mettersi in posa, donando emozioni e continuando a sorridere.

Anche l’associazione un Battito di Ali ringrazia Achille Lauro e tutto il suo staff per aver aiutato ad esaudire il sogno di una bimba ricoverata.

La nostra campionessa aveva confidato al dottor Pupozzi e alla psicologa dottoressa Annalisa Cannarozzo di essere una fan scatenata di Achille Lauro, di conoscere tutte le sue canzoni e di essere dispiaciuta perché non poteva andare al concerto ad Osimo del cantante in quanto doveva sottoporsi ad intervento.

“Da qui – dice la presidente Valentina Felici – è nata l’idea di contattare l’artista per esaudire il sogno di questa bimba. Abbiamo pubblicato la notizia sulla nostra pagina facebook  e nel giro di pochissimo tempo tante persone ci hanno contattato per aiutarci. Fondamentale per far arrivare il messaggio è stato l’aiuto del nostro vice presidente Giampaolo Tonelli!”

Ieri Achille Lauro ha mantenuto la promessa ed è venuto in corsia per incontrare la sua fan. Ad accoglierlo il dottor Pupozzi per l’occasione vestito da Imperatore del reparto. Non sono mancate le gag con il cantante durante la visita a tutti i bambini ricoverati. Lauro ha portato dolci doni per tutti i ricoverati e le loro famiglie.

L’associazione un battito di ali aveva preparato una piccola sorpresa, Chiara Mormile e Irene Camilletti con alcune bimbe dell’associazione hanno regalato ad Achille Lauro un quadro con una bella frase per ringraziarlo, Luciana Tajarol mamma del volontario Lorenzo scomparso prematuramente ha donato al cantante la maglia raffigurante Lorenzo e Pupozzi collegata alla raccolta fondi per la stanza di Lore. E’ stato donato anche il libro di foto del dottor Pozzi (ricordiamo che il dottor Marco Pozzi  oltre ad essere un eccellente cardiochirurgo è un bravissimo e stimatissimo fotografo) che Lauro ha apprezzato tantissimo per la tecnica e per la particolarità degli scatti.

“Ringraziamo – continua la presidente – Achille Lauro per la visita e per aver reso speciale questa giornata, la nostra campionessa non scorderà questa giornata. Grazie a tutti coloro che rendono tutto questo possibile, il dr. Marco Pozzi, la dr.ssa Chiara Gatti, tutta l’equipe della Cardiochirurgia pediatrica e congenita di Ancona, Valeria Renson e Elisa Pucci di Les Clonweneries per “vestire” sempre al meglio il nostro dottor Pupozzi e a tutti coloro che ci aiutano nelle nostre imprese a favore dei piccoli e grandi cuori birichini”.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: