Il volume Inno all’Infinito chiude la trilogia degli Inni

Il volume Inno all’Infinito chiude la trilogia degli Inni

di VITO PIEPOLI

Si era tenuta a Roma presso i locali della FUIS (Federazione Unitaria Scrittori Italiani) la presentazione dell’Antologia “Inno all’infinito” edita dalla Bertoni Editore e curata dal poeta e coordinatore del marchio “Poesiaedizioni” Bruno Mohorovich.

Nell’incontro dopo i saluti del Presidente della FUIS Dott. Natale Antonio Rossi, l’editore Jean Luc Bertoni ha ricordato come il marchio “poesiaedizioni” nell’imminente 2022 incomincerà a pubblicare autori provenienti da tutti i continenti e a contribuire alla riscoperta di autori del passato, italiani e stranieri.

Altra importante iniziativa che vedrà la luce nella primavera prossima sarà il festival “Poesia Trasimeno” che si terrà sulle rive del lago umbro.

Il volume “Inno all’Infinito”, chiude la trilogia degli “Inni”, di cui si è parlato in un mio precedente articolo, avviata nel 2020 e che comprende “Inno all’amore” varata in occasione della festa di S.Valentino e “Inno alla morte”, omaggio a Ungaretti e pubblicata nell’ambito delle celebrazioni della giornata mondiale della poesia.

È stato un voler omaggiare la poesia leopardiana. Ricordiamo che “L’infinito”, composto a Recanati nel 1819, fu il primo dei canti a cui il poeta diede il nome di idilli.

Nell’immaginare l’infinito, il pensiero del poeta si smarrisce, si perde, ma questo naufragare nell’immensità provoca una sensazione indefinibile di piacere e di dolcezza nel suo sentirsi riassorbire nel tutto.

Le problematiche sollevate da Leopardi costituiscono un ribollire di domande ed esigenze che sono la stoffa del nostro io.

Si tratta, dunque, dell’esperienza di sproporzione tra fattori che ci costituiscono.

La realtà, infatti, è un fattore che ci costituisce, così come il nostro animo, che è grande come sorgente di emozione, e pur è così fragile di fronte all’imperterrito andare delle cose. 

La verità di Leopardi non può essere una negazione, ma è in quel “Misterio eterno / dell’esser nostro”, nella domanda finale rivolta alla natura umana: “or come, / se frale in tutto e vile, / se polve ed / ombra sei, tant’alto senti?”.

Il Mistero che ci avvolge e che vorremmo accogliere e abbracciare, come scrive Roberta Arduini nella sua poesia “Affidarsi al Cielo” presente nell’antologia, nei versetti finali: ……”Apro le braccia e sono Infinito” (in foto).

“Si può dire che l’antologia ha voluto, attraverso le composizioni di 130 poeti, indagare quell’infinito, che per definizione è illimitato e che consente, chiudendo magari gli occhi di vederlo, abbandonandosi al suo ascolto, immettendo in esso la musica che ognuno sente” ha riferito Bruno Mohorovich, anche prefatore del volume.

Ha anche  evidenziato come l’Infinito acquista per ciascun autore presente nell’antologia, diverse raffigurazioni: da quello passionale (Infinito amore / da sempre e per sempre…”; “Senza confine il mio cuore, / è libero di andare oltre corrente…”), al naturalistico (“Avvolta dentro un manto di cielo…”; “Oh, quelle colline verdeggianti […] velate all’orizzonte…/ mi privano della vista del mare[…] serpeggiano la cima… / a cercare la vetta / e godere / del confine tra cielo e terra”; “Terso l’orizzonte, profila spumose / parabole di cirri e brillìo di flutti…”; “Il fruscio delle spighe di grano / danza la Vita / nella brezza della sera.”), dal religioso, (“Paradiso: / canto di parole luminose, /rivestite di soave umanità…”; “Nell’infinito tuo essere / in quell’essenza di te / perdo me stessa.”; “…il tuo cielo è dentro me…; …Ti cercherò / nell’aura armonica del vespro…/ t’ascolterò Signore in fredde sere…”), all’artistico laddove emblematica è la lettura di “Il viandante sul mare di nebbia” di Caspar David Friedrich, nel quale la grandezza sublime della natura è espressa dall’immensità spaziale e dall’altezza della montagna rocciosa in vetta alla quale l’uomo, solitario, guarda verso l’infinito.

Oltre all’ “Inno” è stata presentata anche l’Agenda Poetica 2022 che racchiude i versi di 160 poeti che si sono espressi sul tema “la parola / le parole”.

I volumi sono ordinabili sul sito della Bertoni editore  http://www.bertonieditore.com/  ed è disponibile il numero 329 888 1111 per informazioni.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: