Rifondazione Comunista lancia la campagna nazionale contro l’aumento delle bollette

Rifondazione Comunista lancia la campagna nazionale contro l’aumento delle bollette

Contrari anche al ripristino della legge Fornero sulle pensioni e al governo Draghi

ANCONA – Ha preso il viaa la campagna nazionale  del partito della Rifondazione  comunista contro la manovra di bilancio del governo Draghi e due misure emblema del carattere antipopolare delle sue politiche: l’aumento delle bollette e il ripristino della legge Fornero sulle pensioni con l’abolizione immediata di quota cento.
“Con l’aumento delle bollette – si legge in un documento diffuso da Rifondazione Comunista – si colpiscono duramente i redditi di lavoratrici e lavoratori e  ceti popolari già impoveriti da decenni  di riduzione generalizzata di salari e stipendi per tutti, lavori precari, part time obbligati, mancati rinnovi contrattuali, disoccupazione e contratti pirata.
Sulle pensioni il governo Draghi  continua  sulla linea seguita da decenni dai governi che l’hanno preceduto: pur di  non colpire le rendite e le grandi ricchezze , si bastonano i pensionati con allungamento continuo  della vita lavorativa, pensioni bassissime, tasse anche dieci volte superiori ad altri paesi europei e, per moltissimi, adeguamento solo parziale  all’inflazione.
“Dal 2 dicembre, per due settimane, saremo in tutte le piazze d’Italia per dire “Basta rapine su salari, stipendi e pensioni!”
Per dire che di fronte alle politiche neoliberiste di questo governo c’è una sola alternativa: lo sciopero generale e generalizzato.
Nei nostri presidi, gazebo, banchetti raccoglieremo le firme delle cittadine e dei cittadini, da inviare al governo attraverso le prefetture, sulle nostre proposte:
contro gli aumenti delle bollette si taglino i profitti delle grandi aziende che distribuiscono e vendono il gas e l’energia elettrica come è stato fatto in Spagna; si eliminino oneri di sistema obsoleti, si dia finalmente un taglio alle accise, alle addizionali regionali e all’Iva, tasse pagate in prevalenza dai ceti popolari;
per le pensioni proponiamo di cassare l’imbroglio di quota 102; per gli uomini la pensione a 60 anni o con 40 di contributi; per le donne la pensione a 55 anni o 35 di contributi; che si metta fine alle pensioni sotto i mille euro e l’adeguamento integrale delle pensioni all’inflazione.

“Abbiamo iniziato da ieri a Jesi alla COOP con un volantinaggio – scrive sempre Rifondazione Comunista -, continueremo il 4 ad Ancona con la nostra partecipazione alla manifestazione dei sindacati di base ,poi il 6 dicembre a Falconara, il 10 a chiaravalle, e l’11 ad Ancona – Sono in essere contatti con altre forze politiche per raccolta firme ed iniziative di illustrazione delle nostre proposte ed iniziative di lotta”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: