Investiti dalla Provincia di Macerata 8 milioni di euro all’Istituto Agrario

Investiti dalla Provincia di Macerata 8 milioni di euro allIstituto Agrario

Ed in arrivo cè anche la scuola innovativa grazie al bando da 10 milioni di euro

MACERATA – Diciotto milioni di euro di investimento tra lavori già eseguiti, in corso e da effettuare. Un bilancio molto positivo è quello che tratteggia il Presidente della Provincia, Antonio Pettinari, questa mattina all’Istituto Agrario di Macerata.

«La ricetta per ottenere questi risultati è molto semplice – ha dichiarato -. Sono frutto di un grande lavoro e impegno di tutti: dell’Amministrazione provinciale che ha sempre avuto il sostegno e la condivisione dell’intero Consiglio provinciale e della struttura con i suoi dipendenti. Quindi la sintonia tra le Istituzioni e la programmazione che permette di progettare nei tempi necessari».

Alla cerimonia di inaugurazione dei locali rinnovati dell’IIS “G. Garibaldi”, avvenuta nella nuova biblioteca, erano presenti oltre al Presidente Pettinari e alla dirigente scolastica Antonella Angerilli, il Vescovo Mons. Nazzareno Marconi, il sindaco di Macerata Sandro Parcaroli, il provveditore Roberto Vespasiani.

«Sono molto contento che questo momento si svolga in una biblioteca – ha affermato Mons. Marconi – alla presenza di voi studenti, perché i libri aiutano ad essere liberi. Dai libri si possono apprendere insegnamenti importanti che vi porteranno ad ottenere il meglio per l’attività che sceglierete di svolgere, quindi leggete e studiate».

Sulla stessa lunghezza d’onda il sindaco Parcaroli: «Siamo circondati dalla bellezza a Macerata, in qualsiasi punto della città è possibile vedere i campi circostanti con i loro colori e colture. State facendo un percorso importante di crescita formativa, abbiate dei sogni nel cassetto, sognate! Sarete voi i pilastri di questo territorio favoloso». Quindi lo stimolo del provveditore Vespasiani: «La biblioteca è uno strumento di crescita, di ricerca e di capacità critica. Questa è l’enorme differenza con le informazioni che circolano su Internet, dove invece manca la verifica delle fonti. Luoghi come le biblioteche aiutano a crescere e mi auguro che venga istituito il ruolo di docente bibliotecario, perché lo ritengo fondamentale per avere una visione internazionale».

Pettinari ha poi ricordato i numerosi lavori eseguiti in questi ultimi anni all’IIS “Garibaldi”. «Nonostante il terremoto e la pandemia, a cui aggiungo i vincoli del patto di stabilità che negli passati ci ha impedito di effettuare investimenti pur avendo la disponibilità delle risorse economiche e, non ultima, la sciagurata riforma delle province, siamo riusciti ad effettuare, in questo luogo per me straordinario, numerosi interventi proprio grazie a quella sintonia che dicevo prima. Voglio sottolineare che tutti i lavori sono stati svolti senza utilizzare fondi del terremoto».

Due milioni di euro per il recupero del Convitto, 180 mila euro per la copertura, pavimentazione e sistemazione dei porticati, 100 mila euro per la realizzazione della biblioteca, 40 mila per il laboratorio, 60 mila per i bagni, 30 mila per il recupero dei locali ex chiesetta” e 120 mila per l’asfaltatura della strada di accesso. A questi si aggiungono il noleggio di 10 moduli per complessivi 150 mila euro.

I lavori in fase di esecuzione sono relativi all’adeguamento sismico della palestra per 740 mila euro, alla realizzazione di nuove aule per altri 100 mila euro e alla sistemazione del cortile del Convitto per ulteriori 50 mila euro. Quindi il progetto esecutivo approvato per l’adeguamento sismico della scuola per un valore di 2,9 milioni di euro e della demolizione e ricostruzione dell’ex essiccatoio per 320 mila euro.

Tra i progetti, anche la realizzazione di un’altra palestra per 900 mila euro e la costruzione della scuola innovativa. «Abbiamo partecipato ad un bando nazionale e ci siamo aggiudicati un finanziamento di 10 milioni di euro – ha precisato Pettinari -. Sono state finanziate solo 52 scuole in tutta Italia e noi siamo tra queste: nei prossimi anni qui sorgerà pertanto un nuovo edificio, tra l’altro senza consumo di suolo, perché sarà demolita la palazzina che si trova nell’ex centro tori».

In chiusura, prima del giro nei locali rinnovati della scuola, nel museo agrario e nel laboratorio enotecnico di analisi sensoriale, unica esperienza in Italia a trovarsi all’interno di un istituto secondario superiore, la dirigente Angerilli ha dato la parola alla prof.ssa Patrizia Paoletti che si è occupata dei volumi catalogati nella biblioteca e che ha presentato questa raccolta di 12 mila libri.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: