Operativo il primo mezzo full electric di AnconAmbiente

Operativo il primo mezzo full electric di AnconAmbiente

ANCONA – Un nuovo mezzo elettrico ha preso servizio da qualche giorno ad AnconAmbiente. E’ un motocarro Alkè prodotto da un’azienda italiana tra i pionieri della mobilità elettrica professionale, con oltre 25 anni di esperienza e progettata appositamente per impieghi intensivi.
“Si tratta del nostro primo mezzo a propulsione elettrica – ha dichiarato Antonio Gitto Presidente di AnconAmbiente S.p.A. – una scelta in linea con quelle che sono le tendenze, ormai condivise da tutti, di una rivoluzione eco sostenibile dai motori termici a quelli elettrici. L’impegno delle istituzioni europee ed i Governi ad una politica che verte su questa scelta, peraltro condivisa dalle grandi case costruttrici, ci permette oggi di poter scegliere sul mercato mezzi ad alta efficienza operativa come quello che abbiamo inserito in flotta”.
“Con questa scelta abbiamo tenuto fede al nome di questa azienda – ha rimarcato Roberto Rubegni Amministratore Delegato di AnconAmbiente S.p.A. – propendendo su un mezzo che rispetta l’ambiente. Il nuovo motocarro andrà ad operare per le vie del centro di Ancona a tutto vantaggio delle diminuzioni di CO2 e dell’inquinamento acustico. Il mezzo, che ha un’autonomia di 200 km, riuscirà a coprire ben due turni così come quelli dotati di motori termici inoltre, sempre dal punto di vista operativo, ha una capacità di carico praticamente identica agli altri oggi in uso”.
Scheda tecnica automezzo elettrico modello Alkè
–             Automezzo elettrico modello Alkè (FULL ELETTRIC) mod. 340E;
–             Vasca ribaltabile capacità 1,7 mc;
–             Box porta attrezzi;
–             Omologazione categoria N1;
–             Batteria litio da 20 KW/h;
–             Omologazione per conduzione con patente B;
–             Idroguida servoassistita elettricamente;
–             Freno di stazionamento munito di sistema di sicurezza ausiliario di inibizione alla marcia;
–             Cicalino di retromarcia;
–             Dotazione kit riparazione pneumatici;
–             Cabina omologata per almeno due posti;
–             Telecamera posteriore con monitor in cabina;
–             Apertura portelli laterali a destra e sinistra sulla vasca rifiuti per conferimento dei medesimi;
–             n. 2 piedini posteriori con pistoni idraulici per sollevamento e abbassamento a terra automatico antiribaltamento;
–             Attrezzatura certificata secondo la norma uni en 1501-1 Veicoli raccolta rifiuti – Requisiti generali e di sicurezza – Parte 1: Veicoli raccolta rifiuti a caricamento posteriore;
–             Attrezzatura certificata secondo la norma uni en 1501-5: Veicoli raccolta rifiuti – Requisiti generali e di sicurezza – Parte 5: Dispositivi di sollevamento per veicoli raccolta rifiuti.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: