Un’altra bella manifestazione di boxe con matches spettacolari nella palestra Coni di Fermo

Un’altra bella manifestazione di boxe con matches spettacolari nella palestra Coni di Fermo

di GABRIELE FRADEANI

FERMO – Ancora una dilettantistica, rigorosamente a porte chiuse per i protocolli imposti dalla pandemia, ed ancora presso la palestra Coni con una cadenza settimanale in regione.

Le prossime riunioni si terranno a Fano e per la prima volta dopo tanto tempo a Senigallia.

Il presidente regionale, Luciano Romanella, ha chiarito questa proliferazione con  la necessità di tenere in perfetta forma i pugili marchigiani che sono chiamati ad affrontare il programma nazionale che vede un intensificarsi di tornei e campionati in vista delle Olimpiadi della prossima estate.

Per primo il torneo “A. Mura” che si terrà a Roseto Degli Abruzzi dal 22 al 25 aprile e che vedrà la partecipazione di 239 atleti da tutta Italia. Un  vero campionato italiano per pugili giovanissimi: schoolboy, junior e youth, under 2004. Al proposito vale rammentare che le Marche parteciperanno a detto Torneo nazionale con sette atleti: gli junior Lorenzo Fondi della Upa, Lorenzo Tulli della San Giorgio, Anacleto Gabbanelli della B.C. Castelfidardo; gli Youth Alex Iengo della GLS Dorica, Marcello Di Gennaro, Matteo Forconi e Emanuele Ansalone della 1923.

Ma veniamo alla riunione di sabato che, nata dalla collaborazione fra la Upa di Ancona e la Nike di Fermo che l’hanno patrocinata,  come tutte le altre,  è stata ben diretta ed ha avuto contenuti tecnici ed agonistici di tutto rilievo. Equilibrio di valori rispettato tanto che su otto combattimenti tre sono finiti con un salomonico pareggio. Nulla di fatto fra l’anconetano Anselmi, meglio impostato tecnicamente ed il pesarese Colonna più aggressivo; ancora pareggio fra il mancino Fadaemobarhan della Upa e Bernardini della Pug. 1923 .

Atteso il match fra Agabiti della Boxe Minchillo e Storani della Nike. Si è aggiudicato il verdetto il primo in un match molto equilibrato in cui  la giuria ha inteso premiare la maggiore solidità del pesarese che ha piazzato meno colpi ma sicuramente più consistenti rispetto a quelli più lineari ma meno incisivi del fermano. Una questione di superiorità che  a nostro avviso resta aperta cui si darà sicuramente seguito in futuro con  altri confronti.

Nei 91 kg Commodo della Boxe Crea di Lanciano ha superato il pari peso anconetano Biti al termine di tre combattutissime riprese. L’abruzzese, il migliore degli ospiti, ha cercato sempre il confronto alla media e corta distanza forte della sua maggiore tenuta atletica ed alla potenza dei suoi colpi angolati. Biti ha opposto colpi di sbarramento ed ha cercato, senza peraltro riuscirvi, di portare lo scontro su un piano più lineare ed alla lunga distanza, in sostanza ha badato quasi esclusivamente alla difesa. Giusto il verdetto.

L’Oscar della sfortuna va sicuramente all’anconetano Splendiani che, opposto all’abruzzese De Florio, stava disputando un ottimo combattimento e si avviava ad una bella vittoria quando su un gancio destro a vuoto riportava la lussazione della clavicola destra. Veramente un peccato perché in quei pochi minuti  aveva dimostrato di avere ottime possibilità di ben figurare. Lo attendiamo ai prossimi cimenti.

Fedeli della 1923 con l’uso accorto del diretto destro supera il mancino  pesarese Sordoni.

Altro pareggio fra Marconi della Upa e D’Adamo della Minchillo al termine di tre round in perfetto equilibrio in cui nessuno dei due è riuscito ad imporre la propria boxe.

La palma di migliore dei marchigiani spetta al fermano Bitti che con colpi interni d’incontro ha frenato l’irruenza dell’abruzzese Pantalone che ha attaccato tutte le riprese ma si è trovato sempre contrato dai colpi diritti dell’atleta del maestro Rocco che, in qualche occasione, ha accusato chiaramente. Veramente eccellente la condizione tecnica ed atletica di questo pugile su cui la Nike conta parecchio.

In conclusione la Nike di Fermo e la Upa di Ancona hanno destinato un omaggio floreale alle donne presenti alla manifestazione: l’atleta Alessia Corradetti, l’arbitro Elisa Pecorari, il Delegato Coni Cristina Marianelli e la responsabile sportiva della terza circoscrizione Silvia Regnoli. Presente come sempre l’Assessore allo Sport  Alberto Maria Scarfini .

Arbitri Giudici: Elisa Pecorari, Sauro Di Clementi, Fabrizio Longarini, Gabriele Battilà; Medico di Bordo Ring: Dr.  Serafino Salvi; Commissario di Riunione: Emanuele Guerrieri; Speaker: Kristel Talamonti; Addetto al Cronometraggio: David Rocco.

I risultati

Junior kg 57: Alessandro Anselmi (Upa) e Colonna Cristian ( Boxe Minchillo) pari; Kg 63: Fadaemobarhan Omid (Upa) e Bernardini Geremia (Pug. 1923) pari; Kg 66: Fedeli Marco ( Pug. 1923) b. Sordoni Nicola (Minchillo Boxe); Youth kg 91: Commodo Alessandro (Crea Boxe) b. Biti Kozma (Upa); Elite 2^ kg 69: Di Florio Francesco (Crea Boxe) b. Splendiani Andrea (Upa) rsci 2^; Agabiti Patrizio (Minchillo Boxe) b. Storani Stefano (Nike); kg 64: Marconi Francesco (Upa) e D’Adamo Gianmarco (Pug. 1923) pari; kg 64: Bitti Leonardo (Nike) b. Pantalone Alessandro (Crea Boxe).

Nelle foto: Biti Kozma con i maestri Cappellini e Vesprini; un bel diretto destro di Splendiani; un gancio destro di Storani a vuoto

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: