Oltre il lavoro domestico, un saggio per omaggiare tutte le donne

Oltre il lavoro domestico, un saggio per omaggiare tutte le donne

di TIBERIO CRIVELLARO

Questo redatto non è rivolto solo alle donne, anzi più a voi cari masculi distratti. Prendetelo come un consiglio da seguire in solidarietà alle amiche, compagne, verso tutte le donne.

Per vostra conoscenza il saggio menzionato, “Oltre il lavoro domestico” di Lucia Chistè. Alisa Del Re, Edvige Forti (prima edizione, Feltrinelli, 1979), premonitore, all’epoca, è stato ripubblicato integralmente pochi mesi fa dalle Edizioni Ombre Corte – Cartografie, per quanto la sua analisi sia attuale.

Delle tre autrici, (e di quelle che hanno redatto la postfazione: Giovanna Di Matteo, Greta Meraviglia. Bruna Mura), conosco da lungo tempo Alisa Del Re, Professoressa associata a Scienze Politiche presso l’Università di Padova, da poco in “vacanza”. Peccato. Si occupò di insegnare ad arte sui Partiti Politici e sulle Pari Opportunità nell’Unione Europea.

Ma resta sempre e quanto mai agguerrita. Riprendo il filo di Arianna intorno il saggio che analizza i temi legati soprattutto al lavoro delle donne, nel suo risvolto essenziale quale peculiare congiunzione nel sociale, ma anche in stretta relazione con l’economia e la politica considerati, con tempismo, nel presente malcapitato terzo millennio.

Si denota un peggioramento dello stato femminile durante e dopo un capitalismo al maschile. Una lunga e puntuale indagine sul tema evidenzia l’ancor peggiore arma di offesa del neo-liberismo (ben illustrato dallo psicoanalista marsigliese Roland Gori) che castiga non solo i lavoratori in generale ma soprattutto le passate conquiste della donna costate a caro prezzo. Le donne continuano ad essere penalizzate nonostante le notevoli risorse che mettono in campo. Continua lo sfruttamento con un più sofisticato meccanismo “asociale”.

La pandemia l’ha evidenziato alla potenza. I nuovi poteri politici e industriali vogliono ancora “rinchiuderle” nell’antico e ripetitivo status: dal ciclo di produzione dei figli, al relativo  “maternage” fino alla loro carcerazione per nulla preventiva in famiglia quale “Regina della casa”. Se lavora, è sottopagata, molestata, ricattata. Il libro illumina per le profonde riflessioni, ma anche motivando nuovi tipi di lotta; diverse modalità per far valere appieno i diritti della donna. Ben ne conosciamo uno: “Non Una di Meno”, movimento che si fa notare non solo in Italia, e, destinato ad ampliarsi considerevolmente. Un consiglio al ceto maschilista ignorante e pregresso: “non ditelo con un fiore, vi potrebbero ritornare spine. L’otto marzo: festa della donna. La festa della donna dura 365 giorni. Svegliatevi, azz…

——————————————–

Laura Christé. Alisa Dek Re, Edvige Forti

OLTRE IL LAVORO DOMESTICO

Edizioni Ombre Corte – Cartografie 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: