REGIONALI / Acquaroli in netto vantaggio su Mangialardi: già scrutinate 500 sezioni su 1.576

REGIONALI / Acquaroli in netto vantaggio su Mangialardi: già scrutinate 500 sezioni su 1.576

ANCONA – Dopo lo scrutinio di 500 sezioni elettorali marchigiane su 1.576, queste le percentuali dei voti assegnati ai candidati presidenti dell’undicesima legislatura della Regione Marche, rilevate dall’Ufficio elettorale della Regione Marche.

Francesco Acquaroli (RicostruiAmo le Marche):               48,36%

Maurizio Mangialardi (Insieme Marche):                          37,45%

Gian Mario Mercorelli, (Movimento 5 Stelle):                   8,85%

Roberto Mancini (Dipende da Noi):                                  2,63%

Fabio Pasquinelli (Lista Comunista! Per le Marche):         1,45%

Sabrina Paola Banzato (Vox Italia-Marche):                     0,60%

Anna Rita Iannetti (Movimento 3V Libertà di scelta):      0,54%

Alessandra Contigiani, (Riconquistare l’Italia):                 0,13%

Alle urne (ieri e oggi) erano chiamati 1.310.843 marchigiani (637.290 uomini e 673.553 donne) che potevano esprime il voto nei 1.576 seggi (di cui 15 sezioni ospedaliere), distribuiti nei 227 Comuni marchigiani. Le Regionali 2020 vedono otto candidati governatori (cinque uomini e tre donne) e diciotto liste ai nastri di partenza.

Maurizio Mangialardi (Insieme Marche) corre per il centrosinistra e Francesco Acquaroli (RicostruiAmo le Marche), per il centrodestra. Entrambi sono sorretti da sei liste. Per Mangialardi: Pd, Marche Coraggiose, Le nostre Marche e il Centro, Mangialardi Presidente, Italia Viva-Psi-Demos-Civici Marche, Rinasci Marche. Per Acquaroli: Fratelli d’Italia, Lega, Forza Italia – Civici per le Marche, Udc-Popolari Marche, Movimento per le Marche e Civitas-Civici per Acquaroli.

I restanti sei candidati a governatore, sono invece tutti appoggiati da una sola lista, a partire da Gian Mario Mercorelli, l’aspirante presidente per il Movimento 5 Stelle.

Gli altri candidati alla carica di presidente della Regione Marche sono: Roberto Mancini (Dipende da Noi), Fabio Pasquinelli (Lista Comunista! Per le Marche), Sabrina Paola Banzato (Vox Italia-Marche), Anna Rita Iannetti per il “Movimento 3V Libertà di scelta, Alessandra Contigiani, con Riconquistare l’Italia – Fronte Sovranista Italiano.

Alla chiusura dei seggi (alle ore 15 di oggi), nelle Marche ha votato il 59,74% del corpo elettorale, rispetto al 49,78% del 2015, quando la tornata elettorale ha riguardato la sola giornata di domenica 31 maggio. Alle urne si sono recati 783.092 marchigiani: 392.221 maschi (61,54%) e 390.871 femmine (58,04%).

La circoscrizione di Ancona ha fatto registrare un’affluenza del 60,50% (rispetto al 51,54% finale del 2015,). In quella di Ascoli Piceno la percentuale è stata di 57,67 (47,36% nel 2015), in quella di Fermo 61,17% (51,46% nel 2015), in quella di Macerata 56,60% (rispetto al 47,17% del 2015), in quella di Pesaro e Urbino 67,27% (50,55% nel 2015).

Queste le percentuali conclusive registrate nei capoluoghi regionale e provinciali: Ancona 59,02%, Ascoli Piceno 59,59%, Fermo 67,74%, Macerata 65,54%, Pesaro 62,98%.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: