Nuovamente arrestato per spaccio di cocaina dagli agenti della Squadra mobile di Pesaro

Nuovamente arrestato per spaccio di cocaina dagli agenti della Squadra mobile di Pesaro

PESARO – Prosegue senza sosta l’attività della Polizia di Stato per la prevenzione e la repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti.

A tornare in carcere questa volta è stato un cittadino albanese, vecchia conoscenza degli investigatori della Squadra Mobile di Pesaro in quanto già arrestato circa un anno fa perché colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di quasi mezzo chilo di cocaina. L’uomo, dopo aver trascorso circa due mesi in carcere, era stato poi posto agli arresti domiciliari presso la sua dimora. Tuttavia, nonostante la misura in atto, i sospetti di una sua ripresa nell’attività di spaccio si facevano sempre più concreti. Per tale motivo i poliziotti della Squadra Mobile, nel pomeriggio di venerdì 18 settembre, visto l’approssimarsi del fine settimana, momento in cui il consumo e di conseguenza, lo spaccio di sostanze stupefacenti tocca il suo picco maggiore, effettuavano un servizio di appostamento nei pressi dell’abitazione dello straniero .

L’ipotesi degli investigatori trovava riscontro allorquando una persona, poi risultata essere un suo “cliente” entrava nella palazzina in questione, per poi uscirne dopo pochi minuti. Lo stesso, bloccato e sottoposto a controllo, veniva trovato in possesso di due dosi di cocaina per un peso complessivo di 3 grammi, appena cedutagli dal succitato straniero.

La successiva perquisizione dell’abitazione di quest’ultimo portava al sequestro di tre involucri contenenti in totale circa 80 grammi di cocaina, occultati all’interno di un barattolo.

Inoltre, nella tasca di un giubbotto riposto in un armadio, veniva rinvenuta la somma contante di 11.000 euro circa, anch’essa posta immediatamente in sequestro perché ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Conseguentemente il cittadino albanese veniva tratto in arresto e nuovamente condotto presso la Casa Circondariale di Villa Fastiggi.

L’arresto veniva poi convalidato dall’Autorità Giudiziaria, che disponeva la custodia cautelare in carcere nei confronti dell’indagato.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: