PIFaround e “Il pentagramma a pedali”: in bici da Castelfidardo a Berlino al ritmo della fisarmonica

PIFaround e “Il pentagramma a pedali”: in bici da Castelfidardo a Berlino al ritmo della fisarmonica

di Fabrizio Ilacqua

CASTELFIDARDO- La passione per la bicicletta e quella per la musica per unire le Marche e la Germania. È questo l’obiettivo della manifestazione PIF Around (Premio Internazionale della Fisarmonica) che, in collaborazione con il format Il Pentagramma a pedali, si propone di unire musica, avventura, bicicletta e turismo ecosostenibile. Un gruppo di artisti sarà, dunque, guidato dall’Assessore Ruben Cittadini e da Giacomo Medici, il cantante che ama lirica e tango, una passione coltivata con amore e che è sempre arrivata al cuore dei tantissimi spettatori degli innumerevoli e splendidi concerti spettacolo, portati in giro in tutto il mondo, soprattutto in Argentina. Proprio del paese sudamericano il cantante di Chiaravalle è ormai a tutti gli effetti cittadino onorario tanto da essere soprannominato “L’Italiano che canta il tango”. Proprio di Giacomo Medici è la paternità del format. Lo staff di operatori e artisti si muoverà dalla culla dello strumento ad ancia per arrivare a Berlino: la bicicletta è il mezzo utilizzato dagli artisti per raggiungere i luoghi nei quali si terranno le esibizioni, alcune delle quali di natura itinerante; il viaggio diventerà inoltre un docufilm, che racconterà tappa dopo tappa, concerto dopo concerto, un progetto davvero innovativo nel suo genere.

Promosso dal Comune di Castelfidardo, l’evento rappresenta uno dei tasselli di documentazione e di avvicinamento al riconoscimento della fisarmonica e del tessutmanifestazione PIF Around (Premio Internazionale della Fisarmonica) che, in collaborazione con il format Il Pentagramma a pedali, si propone di unire musica, avventura, bicicletta e turismo ecosostenibile. o culturale – imprenditoriale fidardense nel Patrimonio Mondiale UNESCO.

La musica verrà presentata all’interno della performance significativamente intitolata “Il Pentagramma a pedali”, in maniera per così dire caleidoscopica, toccando, cioè, generi vari: world music, opera, jazz, tango, folk, in base agli artisti che si incontreranno lungo il percorso e alle location che si prestano a fare da cornice. Sarà dunque bello vedere come man mano che l’itinerario prenderà forma, gli artisti in viaggio incontreranno altri artisti che li attenderanno per provare insieme e poi presentarsi sul palco dove la magia prenderà vita. Un progetto trasversale che coinvolge personaggi noti del mondo della musica e dello sport, la cui carriera è legata in qualche modo alle tematiche che ispirano il PIFaround: artisti, organizzatori ed in alcuni casi il pubblico stesso confluiranno sul luogo delle esibizioni pedalando, peculiarità che caratterizzerà l’intera l’iniziativa.

Ma veniamo alle date.

Sabato prossimo – 29 agosto – in occasione dell’inaugurazione del Museo della Fisarmonica, si svolge nel Salone degli Stemmi della civica residenza (ore 11.00) un concerto di presentazione, affidato al duo composto dal direttore artistico del PIF Renzo Ruggeri (fisarmonica) e da Giacomo Medici (voce).

La prima tappa a pedali prende il via il giorno seguente – domenica 30 – da Piazza della Repubblica alle 10.30, con arrivo a Pesaro, dove gli artisti avranno la possibilità di esibirsi a Casa Rossini, ovvero il luogo natale del grande compositore marchigiano; poi, sarà la volta di Villa Giulia Luciano Pavarotti, dove il famoso tenore italiano era solito soggiornare. Dopo due settimane circa di percorso, il “traguardo” finale è rappresentato da Klingenthal (città tedesca gemellata con Castelfidardo), dove si terrà martedì 8 settembre il concerto conclusivo, con successivo trasferimento a Berlino.

Il ritorno della “carovana artistica” nella città della fisarmonica coinciderà con l’inizio del Premio internazionale ad essa dedicato, ovvero il PIF. Tra le città italiane che verranno toccate ricordiamo oltre a Pesaro, Cervia, Cento, Castelvetro di Modena, Venezia, Padova, Povoletto, Udine e Gorizia.

«Il progetto è sostenuto anche dalla Fondazione Michele Scarponi, della quale durante il viaggio verrà fornito materiale informativo con lo scopo di sensibilizzare i presenti alle tematiche inerenti la sicurezza stradale», spiega Giacomo Medici, che tra l’altro nel suo passato da ciclista ha gareggiato con Scarponi stesso. Altra importante realtà a supporto del progetto è la FIAB Vallesina (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta), che ha per finalità la diffusione della bicicletta come mezzo di trasporto intelligente ed ecologico, in un quadro di riqualificazione dell’ambiente urbano ed extraurbano.

«I concetti di ‘muoversi in bicicletta’ e di ‘concerto itinerante’ saranno anche veicoli promozionali per la regione Marche reputando il bike-tourism un cluster fondamentale per il turismo dei prossimi cinque anni, incentivandolo ad ogni fiera nazionale ed internazionale di settore», sottolinea l’assessore alla cultura Ruben Cittadini indirizzando un ringraziamento a Decathlon Camerano e Super Bike Planet Castelfidardo e ricordando come «il PIFaround abbia sempre avuto il ruolo culturalmente aggregante di apripista al PIF toccando nel passato i Comuni Loreto, Camerano, Numana, Fermo, Recanati, Genga Frasassi».

La manifestazione vanta anche la collaborazione del Sistema Museo Pesaro, di Villa Giulia Luciano Pavarotti, del Concorso Internazionale Città di Pesaro e in virtù della partnership con Tipicitá scandisce altrettante tappe del Grand tour delle Marche.

Coinvolti oltre al Comune di Castelfidardo una pluralità di enti ed istituzioni: Regione Marche, Marche Turismo, Confartigianato, CNA, Confcommercio, Riviera del Conero e Colli dell’infinito.

Tra gli artisti che si metteranno in sella oltre a Giacomo Medici, ricordiamo Renzo Ruggeri, Daniele Di Bonaventura, Marco Scarponi, Sam Paglia, Giampaolo Mrach, Zambramora, Francesca Matacena.

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: