Emergenza liquidità, Fidiprof e Gruppo Igea Banca stanziano 15 milioni di euro a sostegno dei professionisti

Emergenza liquidità, Fidiprof e Gruppo Igea Banca stanziano 15 milioni di euro a sostegno dei professionisti

Il vicepresidente di Confprofessioni Marche Andreoni: “Queste risorse arrivano in un momento particolarmente opportuno per sostenere i 39.000 professionisti marchigiani, colpiti duramente dall’emergenza Coronavirus, come dimostrano già le numerose domande dei lavoratori del nostro settore professionale per la Cassa integrazione in deroga”

ANCONA – Diventa operativo un efficace strumento per favorire l’accesso al credito dei liberi professionisti: il Gruppo Igea Banca e Fidiprof, il confidi di Confprofessioni, hanno formalizzato un accordo che stanzia un primo plafond di 15 milioni di euro per interventi di liquidità per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. I professionisti, infatti, possono richiedere – anche attraverso la piattaforma digitale BeProf – prestiti fino a 50 mila euro, con durata sino a 60 mesi con un pre-ammortamento di un anno. Per le professioni sanitarie, medici di medicina generale e odontoiatri, il finanziamento può arrivare sino a 100 mila euro. “Rispetto al Decreto Liquidità, appena varato dal Governo, il programma di finanziamenti messo a punto da Fidiprof e dal Gruppo Igea Banca è immediatamente operativo con grande flessibilità, perché attinge alle risorse proprie del sistema confederale – dichiara il presidente di Fidiprof Ezio Maria Reggiani (nella foto) -. L’emergenza epidemiologica da Covid-19 ci ha infatti spinto a rimodulare le linee di finanziamento, già in essere, con un nuovo prodotto calibrato sulle specifiche esigenze dei liberi professionisti, per far fronte alla crisi di liquidità che in queste settimane ha investito gli studi professionali».

Anche nella nostra regione, quindi, si rafforzano le misure della Confederazione italiana libere professioni per far fronte alla crisi di liquidità: “Queste risorse arrivano in un momento particolarmente opportuno – afferma il vicepresidente di Confprofessioni Marche Aldemiro Andreoni – per sostenere i 39.000 professionisti marchigiani, colpiti duramente dall’emergenza Coronavirus, come dimostrano già le numerose domande dei lavoratori del nostro settore professionale per la Cassa integrazione in deroga”.

Il piano di intervento prevede che Fidiprof, in qualità di soggetto garante autorizzato dal Mediocredito Centrale (MCC), gestirà direttamente il merito creditizio dei propri soci professionisti, che potranno così ottenere una garanzia massima possibile, con la facoltà di rimborsare le rate ordinarie del prestito trascorsi 12 mesi dall’erogazione del finanziamento.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: