“Avenida del Sol” una mini-antologia con storie quasi tutte reali di Darwin Pastorin

“Avenida del Sol” una mini-antologia con storie quasi tutte reali di Darwin Pastorin

Quando il globalismo sfrutta la violenza e poi si fa colpire dai peggiori virus…globali

di TIBERIO CRIVELLARO

Da una segnalazione di un amico che considero attento lettore, mi  “espongo”  alla lettura di un classico quasi dimenticato che descrive la violenza la quale si perpetua ancora adesso in America Latina, dietro cui il globalismo va a nozze manovrando i fili di burattini e burattinai.

Globalismo ora alla corda in quanto (forse) responsabile dell’attuale Virus che imperversa in tutti i Continenti? Materiale letterario di riflessione.

L’autore del libro proposto è Darwin Pastorin, brasiliano di origine italiana. Pastorin è nato a San Paolo del Brasile. Qualcuno di voi se lo ricorda come firma del Guerrin Sportivo, vice Direttore di Tuttosport e nella redazione sportiva de LA 7? Il suo libro in esamina: “Avenida Del Sol” (Mondadori, prima edizione del 2007). Si tratta di una mini-antologia che raccoglie storie quasi tutte reali.  Quella, ad esempio, di Wagner, centravanti-riserva in serie B che sarà truffato da un losco “Procuratore” del calcio. L’altra di Gilberto de Assis che si batte contro la disperazione della sua “favela” e ucciso in quanto portava con sé un sacco sospetto che si era poi rivelato pieno di coriandoli. E di Edmilton portiere del Vitoria e giovane promessa del calcio professionista che per proteggere un ragazzino da una pallottola assassina si framette, proteggendolo, perdendo una mano e la carriera.

E di Lula che da ex operaio diventa Presidente del Brasile. Storie intense che riportano Pastorin ai luoghi natii, non solo in Brasile ma anche a Buenos Aires, Santiago del Cile, Montevideo…dove ritroverà vecchi amici giornalisti sportivi e calciatori condividendo tra sigari cubani e salutari bevute i ricordi dei passati goleador assieme ai tanti drammi vissuti nel Sud America sempre in bilico fra tragedie e…speranze. Racconta di migliaia di “meninos” che continuano a morire di inedia e violenza nelle favelas. Pastorin, che si identifica a quello che definisce il suo Maestro, Giovanni Arpino, è stato “bracconiere” di personaggi “nel pallone” in veste di intervistatore di grandi campioni quali: Maradona, Zico, Anastasi, Garrinca, Scirea, Buffon e molti altri. Noti i suoi articoli nei media dello sport più prestigiosi. L’ultimo suo libro, presentato al Salone del libro di Torino è stato su “Gaetano Scirea, il gentiluomo”  (Perrone Editore, 2019) con stile altalenante ma assolutamente poetico. Vi è una speranza di cambiamento nel mondo “astratto” Sud Americano;  un riscatto che resta l’emblema dei poveri e diseredati?  Ora una pandemia mondiale ha contagiato il mondo intero. Monito, nella speranza di risoluzione di tale virus per intellettuali, politici e giornalisti che sinora hanno permesso il caos? Tuttavia,  per ora, Rio De Janeiro,  non è esempio da affiancare a Catania o Palermo, ne Roma o Napoli, dove ancora la speranza ha un suo fondamento nella maggior parte dei cittadini dal Sud e il Nord del Paese.

DARWIN PASTORIN

AVENIDA DEL SOL

Mondadori

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: