“Anconambiente riduce la raccolta differenziata e mette i dipendenti in cassa integrazione. Risultato: anconetani  sommersi dai rifiuti”

“Anconambiente riduce la raccolta differenziata e mette i dipendenti in cassa integrazione. Risultato: anconetani  sommersi dai rifiuti”

Decisa presa di posizione del consigliere comunale Gianluca Quacquarini del Movimento 5 Stelle

di GIANLUCA QUACQUARINI*

ANCONA – In questa emergenza Coronavirus succedono davvero cose strane ad Ancona, frutto dell’improvvisazione di chi dovrebbe gestire e governare al meglio la città.

Succede, per esempio, che Anconambiente riduce i suoi servizi di raccolta differenziata, come da comunicato del 15 marzo, ed invita i cittadini a tenere i rifiuti in casa (“La società AnconAmbiente invita i cittadini a conservare in casa, laddove è possibile, i rifiuti carta, plastica, vetro e conferirli solo quando è strettamente necessario, sempre rispettando in maniera rigorosa i calendari”).

Che ragionamento ha portato a questa decisione? E chi non ha possibilità di tenere per giorni i rifiuti in casa?

L’Amministrazione comunale non ha avuto nulla da eccepire su questa decisione?

Sembra questa una disposizione quantomeno “bizzara” e presa proprio nel momento in cui gli anconetani sono, per forza di cose, costretti in casa dalla situazione emergenziale che stiamo vivendo e di conseguenza producono più rifiuti.

Il tutto nell’assordante silenzio della Giunta comunale.

Il nostro Gruppo consiliare, proprio per il fatto di un maggiore produzione di rifiuti, aveva chiesto la sanificazione settimanale dei cassonetti anche perché non si sa quanti asintomatica senza tampone effettuato stanno svolgendo la loro vita come se nulla fosse e così evitare possibili focolai.

Ma l’assessore “competente” ha risposto che nei pressi dei cassonetti non avvengono assembramenti di persone e che ne era sicuro perché sotto casa sua non aveva mai notato persone che stazionano lì vicino ai rifiuti.

Se questa è una risposta…..

La conseguenza di tutto ciò, riduzione dei ritiri e silenzio di chi dovrebbe governare Ancona sulla decisione, è che gli anconetani si trovano “sommersi” dai rifiuti per i mancati passaggi di Anconambiente.

Invece di ridurre la frequenza della raccolta differenziata e mandare dipendenti in cassa integrazione Anconambiente avrebbe dovuto aumentare i ritiri dei rifiuti visto che siamo in piena emergenza sanitaria.

Soprattutto sarebbe servito per una questione strettamente igienica.

Igiene che per via del Coronavirus dovrà aumentare nelle abitudini di tutti i cittadini come ricordato più volte dall’Istituto Superiore della Sanità, ma evidentemente ad Anconambiente e Sindaco non interessano queste sollecitazioni degli organi preposti.

Altro problema da rilevare relativo alla raccolta dei rifiuti.

Nello stesso comunicato del 15 marzo Anconambiente dettava nuove regole, come stabilito appunto dall’Istituto Superiore della Sanità, per quanto riguarda il conferimento dei rifiuti dei positivi al Covid costretti alla quarantena domiciliare.

Per queste persone si indicava di non effettuare più raccolta differenziata ma di smaltire i rifiuti tutti in unico sacchetto di indifferenziata e che sarebbe stata loro cura prelevare il sacchetto direttamente nel domicilio della persona.

Bene!

Sappiamo per certo che molte delle persone in quarantena sono state contattate per istruirle nella raccolta dei loro rifiuti e prendere accordi per come sarebbe avvenuto il ritiro a casa solo il 3 aprile e che i passaggi degli operatori sono iniziati il 6 aprile!

Ma in tutti i giorni intercorsi come hanno smaltito i rifiuti le persone positive al Covid? Perché è intercorso tutto questo tempo?

Dovevano tenersi l’immondizia 22 giorni a casa?

Probabilmente, e speriamo di no, sono state esposte anche altre persone a possibili contagi con questa gestione arruffona fin qui svolta. Al solito improvvisazione nella gestione della città! Poveri noi…

*Consigliere Comunale Movimento 5 Stelle Ancona

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: