Il sindaco Ricci: “Serve equilibrio, il virus si sconfigge con intelligenza e responsabilità”

Il sindaco Ricci: “Serve equilibrio, il virus si sconfigge con intelligenza e responsabilità”

PESARO – «E’ stata una giornata di chiarimenti con governo, Regioni e Protezione civile sulle regole da rispettare con il nuovo decreto firmato da Conte. Sono spariti i colori e l’Italia è stata divisa in zona 1 e zona 2. La zona 1 riguarda la Lombardia e 14 province, tra cui quella di Pesaro e Urbino e quella di Rimini. Nella zona 2 c’è il resto delle province. Si sta cercando di uniformare le ordinanze e le regole». Lo dice Matteo Ricci nel notiziario di aggiornamenti sul coronavirus.

Appello del sindaco a collaborare: «Non abbracciatevi, lavatevi le mani e soprattutto non fate assembramenti di persone. Oggi in città ho visto davanti a gelaterie e locali ancora molti che fanno finta di nulla. Lo dico specialmente ai più giovani. Rispettiamo queste regole: meno persone si ammaleranno, meno persone andranno in terapia intensiva».

Quindi l’elenco delle misure dopo i chiarimenti di giornata: «Chi si deve muovere per lavoro, per motivi di salute e per questioni inderogabili può farlo dentro la provincia e fuori, sia in entrata che in uscita. Le merci possono girare liberamente. Le aziende sono aperte: ovviamente viene richiesto di rispettare le norme di sicurezza e il tema della distanza. Aperti anche i servizi: gli uffici pubblici, le banche, le poste.  Anche qui evitando assembramenti di persone e mantenendo la distanza».

Maggiori restrizioni per bar e ristoranti: «Dopo le 18 devono chiudere, anche se nell’interpretazione del ministero dello Sviluppo è consentita la vendita d’asporto e la consegna a domicilio. Ovviamente anche in questo caso evitando assembramenti: facendo entrare uno alla volta, consegnando la merce con i guanti e con le dovute precauzioni.

Domani usciranno norme interpretative ancora più chiare. Per il resto, le attività commerciali restano tutte aperte, rispettando le prescrizioni. I grandi supermercati come Ipercoop e IperConad chiuderanno nel weekend, tranne per la parte alimentare e delle parafarmacie».

Va avanti Ricci: «Scuole chiuse fino al tre aprile: si pone l’esigenza di dare un sostegno alle famiglie e di fare lezione in collegamento con il web. Stiamo lavorando per aiutare le scuole in questo senso. Domani dovrebbe uscire un nuovo decreto che prevede il congedo parentale, misura per permettere ad uno dei due genitori che lavorano di stare a casa. In questo nuovo decreto ci saranno anche le misure economiche, con il tema delle imprese e con le esigenze di liquidità».

Chiude Ricci: «Collaboriamo tutti, senza sottovalutare nulla e senza farsi prendere dal panico. Serve equilibrio: il virus si sconfigge con intelligenza e responsabilità».

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: