Cresce l’impegno del Centro di aiuto alla vita di Pesaro nei confronti di mamme e famiglie

Cresce l’impegno del Centro di aiuto alla vita di Pesaro nei confronti di mamme e famiglie

di PAOLO MONTANARI

PESARO – Il Centro di Aiuto alla Vita di Pesaro celebra il 2 febbraio la 42esima Giornata per la Vita. L’invito è rivolto in particolare alle mamme in attesa e coloro che hanno avuto la nascita, o l’adozione  di un figlio nell’anno precedente, con i padri e i bambini, che possono essere coinvolti nelle celebrazioni liturgiche nelle chiese dell’Arcidiocesi di Pesaro, essere chiamati all’altare dopo l’omelia e ricevere una speciale benedizione ed una pianta di viole  come simbolo della vita che fiorisce, ricevuta in dono e da custodire.

LA STORIA

Il Cav di Pesaro è stato fondato nel dicembre del 1989 e in questi anni ha visto nascere 272 bambini a rischio aborto. Ha inoltre affiancato oltre 700 madri con gravidanza già avanzata o bambini appena nati, bisognosi di aiuto e condivisione. Un impegno e un sostegno che non cessa prima del raggiungimento dell’autonomia, e poi il legame prosegue negli anni. Da oltre 20 anni il Cav di Pesaro svolge nelle scuole medie e superiori della provincia il Progetto EDUCARE L’AMORE, sviluppando  la consapevolezza del valore di sé, del significato dell’amore e della sessualtà, in collaborazione con genitori e insegnanti. E’ sempre attiva e costante la collaborazione con Casa Fiducia che accoglie ragazze madri.

I Cav sono associazioni di volontari facenti parte del Movimento per la Vita di ispirazione cattolica, finalizzate ad aiutare le donne alle prese con una gravidanza difficili o indesiderate. Il messaggio principale che anche il Cav di Pesaro lancia è quello di non lasciare sole le donne che, nonostante l’aiuto e la vicinanza, scelgono di rinunciare al proprio figlio, sono quelle che più di tutte  hanno bisogno di aiuto.

I dati forniti dalla Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord, Direzione Medica Presidio Ospedaliero San Salvatore Pesaro (FONTE CAV di PESARO) evidenziano come attualmente vi sia un calo consistente nei parti anno 2018 di 758 parti con 150 interruzioni volontarie di gravidanza pari al 19,8%.

Attualmente in Italia sono 315 i centri Cav. Il primo venne fondato a Firenze il 12 dicembre 1975. Una sezione di aiuto è dedicata alle donne immigrate, specie se irregolari e provenienti da paesi in via di sviluppo. Secondo le stime interne del Cav dal 1975 al 2008 le assistenze erogate che hanno portato a una nascita sarebbero circa 110.000 al 2008..

I SERVIZI

Il Cav di Pesaro fornisce nell’ambito della rete nazionale i seguenti servizi:

Test di gravidanza gratuito e riservato .

Sostegno alla donna o alla coppia in difficoltà

Ospitalità per la madre e per il bambino nella proprie case di accoglienza o in strutture convenzionate

Aiuto nel completamento degli studi, nell’inserimento lavorativo, nella ricerca di un alloggio

Baby sitting per i casi d’emergenza

Distribuzione di corredino e attrezzature per neonato.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: