Mare, onde, scogli, sabbia e tanto altro nell’ultimo romanzo di Caterina Emili

Mare, onde, scogli, sabbia e tanto altro nell’ultimo romanzo di Caterina Emili

di TIBERIO CRIVELLARO

Nel romanzo noir di Caterina Emili “La scimmia e il caporale”, pubblicato lo scorso settembre dalle Edizioni E/O, le prime 30 pagine non catturano quei sgamati lettori abituati a investire i schei su in libro dalla lettura della prima pagina, se non dal primo paragrafo. Ne evinco che sia stato scritto in due tempi lontani tra loro e, in ultima revisione…

Tuttavia dal sesto capitolo, ovvero da pag. 31, la Emili ben si riscatta. Immagino i vostri borbottii: “E allora, che siano scemi”? Quindi data la vostra impazienza, verrò alla cervice della noce…non senza prima pasturarvi un bell’esempio di litargiriaca scrittura di donna Caterina: “Borgo (quello pugliese di Ceglie Messapica, teatro del dramma) rivolto a un cardo mare senza…mai saziarsi…terra disseminata di roventi pietre cullate dall’ocra terra colma di ulivi…La voglia di mare, di onde, scogli e sabbia…e un venticello che insapora (l’infernale) il paradiso tra i vasi di lontana”. Vittore Guerrieri (dai natali umbri) col maresciallo dell’arma Tamurri proveniente da Rovigo (amici per stranieranze) sono i protagonisti della tarantella insanguinata.

Con Lota, zingara originaria di Latiano che cornifica il marito Giuseppe, esponente del caporalato; piaga sempre infetta rendendo squallido il paesaggio dello sfruttamento agrario.

Il ritrovamento del cadavere di una giovane donna dell’Est (Katerina) farà spalancare gli occhi ai nostri. Fimmana catafera con tanto di giglio fresco in petto ma sepolta da mesi. Tal ritrovamento taglierà le “carte truccate” salvando capra e cozze sul mistero dell’ammazzatina. Ancor oggi tale inumana schiavitù si perpetua tra passato remoto e presente imperfetto.

Sento il vostro coro: “E la scimmia”? Mah, fors’è una briacatura? Pensate a leggere. Quale miglior difesa contro la lebbra dell’inciviltà? E or, assolvendo la scimmia (che qui un suo posto tiene) condanno padrini e caporali.

——————-

CATERINA EMILI

LA SCIMMIA E IL CAPORALE

E/O Edizioni

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: