Successo di pubblico al teatro Rossini per il Maestro e Margherita di Bulgakov con Michele Riondino

Successo di pubblico al teatro Rossini per il Maestro e Margherita di Bulgakov con Michele Riondino

di PAOLO MONTANARI

PESARO – Un eterogeneo gruppo di attori ha dato vita alle magiche e penetranti pagine di Bulgakov con il suo capolavoro Il Maestro e Margherita diretto da Alessandro Barocco.

Il teatro stabile dell’Umbria con un grande Michele Riondino e un ottimo cast di attori, hanno portato in scena al teatro Rossini per la stagione di prosa 2019/2020 un grande testo teatrale, facendo palpitare, ha sottolineato il regista Barocco, i nostri cuori. Infatti Il Maestro e Margherita è una delle più strazianti e straordinarie storie d’amore della letteratura, tra i due personaggi che rimangono impigliati fatalmente, quasi, l’uno nel corpo e nella mente dell’altro. Il Maestro e Margherita è un romanzo pieno di colori potenti e assoluti, tutti accesi al limite dell’allucinazione.

Anche la piece teatrale rispecchia questo mutevole aspetto cromatico. Si passa anche a livello interpretativo dal registro comico alla tirata tragica; dal varietà più spinto all’interrogarsi su quale sia la natura dell’uomo e dell’amore. Ne scaturiscono dimensioni alternate : il basso e l’alto, che creano un disegno funambolico.

Lo spettacolo ci conduce in un luogo magico, la dove dimorano letteratura, inconscio e rappresentazione. Al centro la macchina del Teatro. Le grandi architetture del pensiero si stringono attorno al Bene e al Male.

(Le foto sono di Marta Fossa)

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it