Presentata la sessantesima Stagione concertistica dell’Ente Concerti di Pesaro

Presentata la sessantesima Stagione concertistica dell’Ente Concerti di Pesaro

di PAOLO MONTANARI
PESARO – Si è svolta nella sala Rossa del Comune di Pesaro la presentazione della 60a stagione concertistica dell’Ente Concerti di Pesaro realizzata in collaborazione con il Comune di Pesaro e AMAT. I 60 anni di una storica attività concertistica sono stati ripercorsi dalla professoressa Marta Mancini presidente dell’Ente <concerti di Pesaro, evidenziando in questi anni i momenti migliori con presenze artistiche a livello internazionale e ombre dettate dagli atavici problemi finanziari che colpiscono la cultura italiana. Marta Mancini si è soffermata sul fiore all’occhiello di questa 60a edizione, con un doppio appuntamento .

Sabato 30 novembre il concerto inaugurale affidato al pianista di origini polacco-ungheresi Piotr Anderszewski. . Considerato uno dei più interessanti pianisti della nuova generazione, Anderszewski si esibisce regolarmente nelle principali sale  da concerto internazionali e presenterà al pubblico pesarese capolavori assoluti del repertorio classico e romantico. Mentre mercoledì 4 dicembre il compleanno della rassegna musicale pesarese, mentre l’istituzione Ente concerti compirà i 60 anni il prossimo anno, verrà festeggiato con un evento straordinario: Emanuil Ivanov, vinicitore dell’ultima edizione del prestigioso Concorso pianistico internazionale Ferruccio Busoni, che sarà accompagnato dalla FORM  sotto la guida del direttore artistico Federico Mondelci nella doppia veste di direttore e sassofono solista. A questo proposito ha preso la parola lo stesso Mondelci che ha sottolineato come nel ricco programma che si concluderà il 23 aprile, sono presenti vari anniversari : gli 80 anni di carriera di Enrico Rava e la sua tromba jazz, che saranno festeggiati con un memorabile concerto al teatro Rossini, che sarà la sede di tutti gli eventi musicali, domenica 26 gennaio. Un progetto in cui Rava sarà accompagnato dai musicisti che più gli sono stati vicino negli ultimi anni per dare vita ad una band d’eccezione con cui rivisitare i brani più significativi della sua carriera ed interpretare nuove composizioni.

Continueranno le celebrazioni rossiniane con Stefan Milenkovich in veste di violinista e direttore d’orchestra della Form, domenica 1 marzo. Federico Mondelici sarà di nuovo protagonista venerdi 3 aprile come direttore e solista alla guida della FORM, per ricordare i 100 anni della nascita di Federico Fellini. A 40 anni dalla scomparsa del grande compositore Nino Rota, Mondelci intepreterà e dirigerà una ricca selezione di brani scritti da Rota, Ortolani, ed altri compositori utilizzati nelle colonne sonore di opere di registi del calibro di Fellini e Kubrick Nella parte conclusiva del cartellone concertistico vi sarà un omaggio a Beethoven per il 250esimo anniversario della nascita. Sabato 18 aprile il direttore austriaco Johannes Wildner guiderà la FORM   nell’esecuzione della Sinfonia n.9 di Beethoven. E nel concerto conclusivo mercoledì 22 e giovedì 23 aprile, le serate saranno dedicate all’integrale delle più grandi opere del genio di Bonn per pianoforte e orchestra affidate a giovani talenti della prestigiosa Accademia pianistica internazionale Incontri con il maestro di Imola.

Ma il cartellone dell’Ente concerti prevede eventi musicali come il Verona Baroque Concert domenica 22 marzo. <il prodigioso duo Dindo e Rubino per farci incontrare il violoncello e le percussioni.. L’estro del quintetto d’archi di Alessandro Quarta sabato 21 dicembre. <un interessante concerto martedì 14 gennaio 2020 realizzato in collaborazione con la rete regionale Marche concerti con Bertrand Chamayou, virtuoso della scuola pianistica francese. E di nuovo per i festeggiamenti rossiniani martedì 4 febbraio, sarà presente Ezio >Bosso, direttore, compositore e pianista amatissimo dal pubblico che dirigerà la Form e l’oboista Francesco di Rosa. Sempre per le celebrazioni rossiniane sabato 22 febbraio  sarà presente il duo violoncello pianoforte con Erica Piccotti e Leonardo Pierdidomenico.
Dulcis in fundo un evento speciale con Neri Marcorè domenica 15 marzo, interpreterà Da questa parte del mare, il libro di Gianmaria Testa che racchiude il racconto dei pensieri,delle storie, delle situazioni che hanno contribuito a dar vita alle canzoni dell’album omonimo del cantautore piemontese scomparso nel 2016. Buone notizie da parte del consigliere regionale Andrea Biancani che ha annunciato uno straordinario finanziamento per l’Ente Concerti a dicembre 2019 e gli auguri e il sostegno del comune di Pesaro con l’assessore Daniele Vimini.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: