La Cucine Lube suona la “nona” a Reggio Calabria: battuta Vibo 3-1

La Cucine Lube suona la “nona” a Reggio Calabria: battuta Vibo 3-1

REGGIO CALABRIA – Obiettivo tre punti raggiunto a Reggio Calabria dalla Cucine Lube Civitanova che supera in quattro set la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia in una gara non semplice e risolta nel finale di quarto set da un super-Leal, MVP del match con 25 punti. Dopo un primo set in affanno, vinto da Vibo in volata, i campioni d’Italia si ritrovano vincendo agevolmente secondo e terzo parziale, prima di battere la resistenza di una coriacea formazione calabrese nel quarto parziale con un maxi break di 0-6 (da 21-19 Vibo a 21-25 Cucine Lube). Si tratta del nono successo consecutivo in SuperLega per i biancorossi, che salgono a quota 26 in classifica in attesa di tornare in campo all’Eurosuole Forum mercoledì sera (20.30) contro Monza.

La partita

Coach De Giorgi cambia ancora al centro, schierando Simon-Diamantini, in banda ancora Kovar-Leal (Juantorena parte in panchina), poi Bruno-Ghafour, Balaso libero. Cichello sceglie come previsto Baranowicz-Aboubacar, Mengozzi-Chinenyeze, Defalco-Carle, Rizzo libero.

Inizio equilibrato con i calabresi che trovano continuità in cambio palla grazie anche agli errori al servizio dei biancorossi, che firmano il primo break con Kovar a filo rete (7-8) ma non riescono a fermare gli attacchi della Tonno Callipo (67% a fine set). Ne approfitta Vibo che concretizza due volte con Defalco in contrattacco e a muro (14-12), i campioni d’Italia reagiscono con Ghafour e l’ace di Kovar (16-17), due muri di Mengozzi su Leal riportano però avanti i calabresi (18-17). Kovar non trova le mani del muro (22-20), Simon piazza un ace con la sua battuta corta (22-22), Bruno invade nel contrasto a rete (24-22) poi recupera con un altro ace corto (24-24). Ai vantaggi arrivano due ulteriori errori al servizio biancorossi (9 nel parziale in totale) e il set viene chiuso dall’ace di Aboubacar (27-25).

Nel secondo set i cucinieri provano a spingere sull’acceleratore, Vibo non molla (7-8) guidata da Aboubacar fino a quel momento infallibile. L’opposto brasiliano, però, per due volte chiude troppo il colpo buttando il pallone in rete (10-13): ora la Cucine Lube Civitanova trova maggiori certezze dal servizio (13-17) e nonostante il contrattacco di Carle (15-17) torna a +4 con la pipe di Leal (16-20). Il turno al servizio di Kovar e tre punti consecutivi proprio di Leal (2 tocchi di precisione da posto quattro e un muro) consegnano il set ai biancorossi (18-25). Salite molto le percentuali d’attacco cuciniere, 64% di squadra.

I campioni d’Italia sembrano ormai aver aggiustato il tiro nel terzo set, partenza sprint (1-5) e Diamantini allunga a muro (4-9), Kovar poi trova da seconda linea un colpo millimetrico sulla riga dei nove metri (5-11). C’è Swan Ngapeth per Defalco in campo con Vibo, Leal (7 punti nel parziale, 78% in attacco) spinge la Cucine Lube a +8 (5-13), Bruno si esalta ad una mano per Kovar (11-18), Diamantini dilaga al centro (12-20), Bruno e Simon chiudono 17-25.

Leal e Simon provano a mettere subito in chiaro le intenzioni della Cucine Lube nel quarto set (2-6), il turno al servizio di Aboubacar riapre però il discorso (5-6) e l’invasione di Diamantini rilancia Vibo (8-7). L’opposto brasiliano trova anche il +2 (11-9), Leal prende per mani i suoi in attacco e al servizio (13-14) ma non basta perché Defalco concretizza due volte in contrattacco riportando i calabresi avanti (18-16). Vantaggio annullato da Leal al servizio (due grandi servizio e Simon mette giù il 21-22), il break prosegue con due super-muri di Kovar (21-24) che chiudono il discorso (21-25 il finale).

Il tabellino

TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA: Mengozzi 4, Marsili, Pierotti, Aboubacar 6, Vitelli, Ngapeth 1, Carle 17, Chinenyeze 9, Rizzo (l), Sardanelli (l), Defalco 13, Baranowicz, Hirsch. All.: Cichello.

CUCINE LUBE CIVITANOVA: Anzani n.e., Kovar 14, D’Hulst, Marchisio (l), Juantorena n.e., Massari n.e., Leal 25, Ghafour 13, Rychlicki, Diamantini 6, Simon 11, Bruno 2, Bienek n.e., Balaso (l). All.: De Giorgi.

ARBITRI: Spinnicchia (CT), Palumbo (CS)

PARZIALI: 27-25 (29’), 18-25 (23’), 17-25 (28’), 21-25 (32’).

NOTE: Vibo: 22 battute sbagliate, 3 aces, 5 muri vincenti, 51% in ricezione (21% perfette) 52% in attacco. Lube: 17 b.s., 5 aces, 8 m.v., 65% in ricezione (32% perfette) 63% in attacco.

Le interviste dal PalaCalafiore di Reggio Calabria

Yoandy Leal: “Nel quarto set sono andato al servizio ed è andata bene, siamo stati concentrati nel finale e siamo felici di questi tre punti, la cosa più importante per la squadra. Vibo ha giocato molto bene nel primo set, battendo efficacemente, poi abbiamo ritrovato la nostra pallavolo al servizio e a muro, conquistando ciò che contava, cioè la vittoria”.

Enrico Diamantini: “E’ stata una partita difficile, sapevamo che sarebbe stata così. Nel primo set abbiamo sbagliato parecchio, ci hanno messo sotto con la battuta ma bravi noi a recuperare il match. Sono felice di aver giocato, ovviamente si può migliorare ancora molto, intanto mi godo la soddisfazione dei tre punti conquistati su un campo complicato”.

Fefè De Giorgi: “Ci stiamo abituando a queste partite, insidiose, anche per il valore degli avversari: Vibo ha giocato due buonissime partite con Verona e con noi, abbiamo dovuto lottare ed è normale che sia così nel campionato italiano. Dopo un inizio al rilento, sbagliando tante battute e agevolando gli avversari, abbiamo ripreso la gara in mano grazie anche a giocatori di caratura tecnica importante che abbiamo in squadra”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it