Da venerdì la Nave Scuola Amerigo Vespucci farà sosta nel porto di Ancona

Da venerdì la Nave Scuola Amerigo Vespucci farà sosta nel porto di Ancona

ANCONA – La Nave Scuola Amerigo Vespucci farà sosta nel porto di Ancona, da dove manca da tre anni, dal 4 al 7 ottobre. Durante la sosta, la nave sarà ormeggiata alla banchina Uno, dedicata a San Francesco, in occasione delle celebrazioni per gli 800 anni dalla partenza del patrono d’Italia dallo scalo anconetano verso la Terra Santa.

La “nave più bella del mondo”, come viene definita da molti, concluso il periodo di addestramento a favore dei 127 Allievi Ufficiali dell’Accademia Navale di Livorno, i quali per circa tre mesi hanno avuto la possibilità di veleggiare dall’Oceano Atlantico e Nord Europa fino al Mar Baltico, riprende a navigare per condurre l’ultima fase della Campagna d’istruzione. Il fine è quello di portare in giro per l’Italia i valori e la storia della Marina Militare, oltre a rappresentare una delle eccellenze del nostro Paese.

La campagna d’istruzione a bordo di Nave Vespucci ha rappresentato un elemento cardine nella formazione del personale della Marina Militare che viene infatti impegnato in numerose attività didattiche ed addestrative nell’ambito delle discipline marinaresche e della formazione etico-militare, al fine di far propri i valori di fedeltà, disciplina e senso del dovere e acquisire l’importanza del lavoro di squadra, che caratterizza ogni marinaio nell’assolvimento dei compiti della forza armata al servizio della collettività.

Dopo la sosta ad Ancona, l’Amerigo Vespucci farà rotta verso Trieste, 3ª tappa della Post-Campagna d’Istruzione 2019.

Nave Scuola Amerigo Vespucci, ormeggiata presso il molo “Uno” del porto di Ancona sarà aperta alle visite a bordo in favore della popolazione nei seguenti orari:

– Venerdì 4 Ottobre: dalle ore 16.30 alle ore 20.00;

– Sabato 5 Ottobre: dalle ore 10.00 alle ore 12.30 (Riservata alle scolaresche) e dalle ore 15.30 alle   ore 20.30;

– Domenica 6 Ottobre: dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 20.30.

APPROFONDIMENTI:

La nave fu progettata, al pari della “gemella” Cristoforo Colombo, da Francesco Rotundi, ingegnere e tenente colonnello del Genio Navale, nonché direttore dei cantieri navali di Castellammare di Stabia.

Il 22 Febbraio 1931 (88 anni fa) a Castellammare di Stabia fu varata la nave Amerigo Vespucci, tutt`oggi in servizio per l`addestramento degli allievi ufficiali dell`Accademia di Livorno.

Il Vespucci ha effettuato dal 2014 al 2016 l’ammodernamento delle capacità operative di bordo e soprattutto l’adeguamento delle sistemazioni logistiche agli standard moderni. L’apparato propulsivo e quello di generazione dell’energia elettrica sono stati completamente sostituiti con prodotti tecnologicamente avanzati; l’Unità è stata dotata di una nuova elica e nuovi sistemi di piattaforma, più efficienti e rigorosamente orientati alla tutela dell’ambiente.

L’importante attività di “ringiovanimento” e “re-styling” del Vespucci è stata coordinata dalla Direzione Lavori e Servizi, ed in particolare della Sezione Studi dell’Arsenale M.M. di La Spezia, con un importante contributo della manodopera “in house” costituita dalle maestranze arsenalizie,  e dal personale di bordo.

Dalla sua entrata in servizio, la Nave ha svolto ogni anno attività addestrativa (ad eccezione del 1940, a causa degli eventi bellici, e degli anni 1964, 1973 e 1997, per lavori straordinari), principalmente a favore degli allievi dell’Accademia Navale, ma anche degli allievi Volontari in Ferma prefissata e degli allievi del Collegio Navale, ora Scuola Navale Militare “Francesco Morosini”.

Dal punto di vista tecnico-costruttivo l’Amerigo Vespucci è una Nave a Vela con motore; dal punto di vista dell’attrezzatura velica è “armata a Nave”, quindi con tre alberi verticali, trinchetto, maestra e mezzana, dotati di pennoni e vele quadre, più il bompresso a prora, a tutti gli effetti un quarto albero. L’Unità è inoltre fornita di vele di taglio: i fiocchi, a prora, fra il bompresso e il trinchetto, gli stralli, fra trinchetto e maestra e fra maestra e mezzana, e la randa, dotata di boma e picco, sulla mezzana.

L’equipaggio è composto da circa 280 militari tra uomini e donne. Nel periodo estivo, la nave imbarca gli allievi volontari in ferma prefissata prima, e successivamente i cadetti dell`Accademia Navale per la consueta Campagna di Istruzione, aumentando l’equipaggio di altre circa 130 unità arrivando così a pieno regime ad oltre 400 persone a bordo.

La Nave scuola Amerigo Vespucci è Ambasciatrice dell’UNICEF da settembre 2007.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it