A Castelfidardo l’Unitre ha presentato il nuovo anno accademico con il libro sui primi venticinque anni dell’associazione

A Castelfidardo l’Unitre ha presentato il nuovo anno accademico con il libro sui primi venticinque anni dell’associazione

di MASSIMO CORTESE

CASTELFIDARDO – Nella Sala consiliare del Municipio di Castelfidardo, nota come il Salone degli Stemmi, la presidente Giulietta Breccia ha presieduto l’inaugurazione del 26° Anno accademico della locale sezione dell’UNITRE, alla quale hanno partecipato studiosi ed autorità. L’incontro, accuratamente preparato, si compone di due momenti distinti: infatti, ai saluti e alle relazioni, come appunto si conviene ad una Inaugurazione degli Studi, è seguita la ciliegina sulla torta, vale a dire la Presentazione del libro “ I primi venticinque anni dell’UNITRE di Castelfidardo”.

Andiamo con ordine. A fare gli onori di casa è stato il Vicesindaco Andrea Marconi, al quale è seguito un breve intervento introduttivo della Professoressa Breccia, incentrato sull’importanza dell’Educazione Permanente che caratterizza da sempre l’Associazione. Il Via Ufficiale è stato dato dal bel Canto del Coro dell’Istituto Comprensivo Paolo Soprani di Castelfidardo, che hanno eseguito rispettivamente il suggestivo Inno dell’UNITRE cittadina, con parole e musica del Maestro Sandro Garbatini e l’Inno delle Marche, autentico fiore all’occhiello della nostra Regione. Il Presidente del Consiglio Regionale Antonio Mastrovincenzo, nel ribadire l’importanza dell’Educazione Permanente, prevista dall’art. 5 dello Statuto della Regione Marche, ha comunicato che la recente legge regionale n. 1/2019 si occupa della questione, che peraltro era già stata preceduta dalla legge n. 23/1991. Il Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico regionale Marco Ugo Filisetti, nel portare i saluti del Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, ha approfondito la tematica dell’Educazione Permamente, fornendo un’importante chiave di lettura sulle missioni dell’istruzione universitaria, sempre finalizzata ad accrescere e sviluppare ogni singolo individuo. Il Presidente Nazionale dell’UNITRE professor Gustavo Cuccini, con la sua gradita presenza ha dimostrato l’importanza assunta nel corso degli anni dalla sezione di Castelfidardo, alla quale ha devoluto la targa della Presidenza Nazionale. Cuccini, nel suo appassionato intervento, ha ribadito come UNITRE venga ancora identificata come l’Università della Terza età, mentre la versione corretta è quella di Università delle Tre Età. Cuccini ha espresso al meglio l’orgoglio per l’UNITRE di Torino fondata nel 1975, e ripercorrendo molte tappe del quarantennale percorso, ha detto che l’UNITRE è un’APS, un’Associazione di Promozione Sociale, che merita di essere conosciuta per il coinvolgimento intergenerazionale dei suoi componenti.

A questo punto, sono state presentate delle significative relazioni, la prima delle quali è stata offerta dalla professoressa Gina Chianese dell’Università degli Studi di Trieste, che ha parlato delle competenze pedagogiche della Formazione Permanente. In particolare, la professoressa Chianese ha esposto sull’evoluzione degli studi ed ha menzionato il successo di talune importanti esperienze didattiche messe a frutto dalla collaborazione tra  le generazioni. Seconda relatrice è stata la dottoressa Rosalba Franco, apprezzata dietologa, che ha parlato del rapporto tra il Cibo e la Persona in molte sue sfaccettature. Essendo la nipote di Lucia Vinci Scarnà, indimenticata Fondatrice e Presidente dell’UNITRE di Castelfidardo, la dottoressa Franco ha ricordato a tutti quanto ci tenesse sua zia riguardo alla grande eredità della Trasmissione del SAPERE. Terza relatrice è stata Simona Lisi, danzatrice e coreografa, che ha parlato dell’importanza della gestualità e del movimento del corpo, a beneficio dell’equilibrio fisico, anche inteso come prevenzione e cura per talune patologie, come il morbo di Alzheimer.

Alle pillole di saggezza contenute in ogni singolo intervento e relazione, la Presidente Giulietta Breccia ha parlato del libro “ I primi venticinque anni dell’UNITRE di Castelfidardo”. Per esigenze di spazio, si rimanda di parlarne in un articolo apposito. Posso però anticipare che il libro ripercorre la storia di questa importante realtà culturale, sorta pur tra notevoli difficoltà nel 1994, che merita di essere conosciuta e diffusa al più alto livello. Infine ha portato il suo saluto l’Assessore alla Valorizzazione dei Beni Culturali della Regione Marche Moreno Pieroni: nel ringraziare per l’importante iniziativa, Pieroni ha ricordato ai presenti la grande figura della Preside Lucia Vinci Scarnà, il cui nome è giustamente risuonato numerose volte in sala.

La manifestazione si è conclusa con l’eccellente esibizione di due giovani pianisti della Civica Scuola di Musica di Castelfidardo, Alessandro Orlandoni ed Elisa Borghetti, i quali si sono esibiti rispettivamente in Kachaturian Toccata e Schubert improvviso op142  n.4.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: