Intorno alla stazione di Pesaro record di biciclette rubate

Intorno alla stazione di Pesaro record di biciclette rubate

di PAOLO MONTANARI

PESARO – Da tempo Pesaro, fra le varie onorificenze, ha anche quella di essere la Città della bicicletta, per il grande sviluppo della rete ciclabile al centro e alla periferia della città.

Ma Pesaro ha anche un altro record, e questo è il rovescio della medaglia: quello di essere una delle città dove maggiormente si verificano furti di biciclette. E basta recarsi alla stazione ferroviaria, per vedere nel parcheggio esterno della stessa, adibito alle biciclette, di tutto: da biciclette rubate, a ruote staccate, a manubri.

Un fenomeno che aumenta notevolmente nel periodo estivo, quando l’uso della bicicletta diventa non solo strumento di benessere personale e familiare, ma anche strumento per potersi recare a delinquere: negli appartamenti, abbordando le persone o danneggiando le auto parcheggiate.

Sempre alle spalle della stazione ferroviaria, senza che vi sia un minimo di controllo, vi è un grande spazio comunale adibito a parcheggio, proprio vicino al cavalcaferrovia. Qui, in certi momenti, sembra di trovarsi in una virtuale Porta Portese, dove si trovano disseminati sellini, luci, ruote, fanali staccati dalle macchine. Gli stessi pendolari che, ogni giorno parcheggiano in questo luogo, temono sempre di non poter trovare, al ritorno dal lavoro, il loro veicolo.

Allora gli interrogativi del cittadino sono almeno due: perché non mettere delle telecamere anche nella parte posteriore della stazione ferroviaria? Quando inizierà il progetto, sostenuto dal sindaco Matteo Ricci, per riqualificare tutta la zona?

Nelle foto: parti di biciclette abbandonate nell’area della stazione ferroviaria

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it