I Cantori della Città Futura di Vallefoglia protagonisti a Pesaro di una fantastica serata nel cortile di palazzo Toschi-Mosca

I Cantori della Città Futura di Vallefoglia protagonisti a Pesaro di una fantastica serata nel cortile di palazzo Toschi-Mosca

di PAOLO MONTANARI

PESARO – Più di 300 persone hanno partecipato al concerto lirico nel cortile di palazzo Toschi-Mosca, organizzato dall’Associazione socio – culturale Maria Rossi, che è divenuto un appuntamento tradizionale fra gli eventi musicali estivi di Pesaro.

Presente il presidente dell’associazione, Dante Trebbi e il referente musicale, il maestro Luciano Pagnoni, che ha fornito un’attiva collaborazione, anche tecnica, alla riuscita del concerto.

Quattro solisti professionisti, Silvia Cafiero soprano, Ken Watanabe in ruoli da baritono buffo, Francesca Sassu mezzosoprano e la soprano e pianista Elisa Serafini, hanno arricchito una serata magica dedicata alla grande musica lirica.

Insieme a loro tre bravi coristi nel ruolo di solisti, Olivier Mani, Guglielmo Ugolini e Lara Vimini. I Cantori della Città Futura di Vallefoglia hanno rappresentato “l’humus musicale e vocale”, diretti dal bravo maestro Stefano Bartolucci, che è anche direttore d’orchestra, compositore e pianista. Un concerto memorabile a sentire anche alcuni esperti presenti. Con momenti sublimi come il brano Sempre libera da Traviata, interpretata magistralmente da Silvia Cafiero, che è entrata nel ruolo di Violetta con una potenza emotiva e vocale notevoli.

Anche il Toreador interpretato dal baritono corista Olivier Mani, molto applaudito dal pubblico, è stato un altro momento musicale molto intenso della serata. Altre  citazioni importanti, quella dell’interpretazione musicale perfetta e simpatica del baritono giapponese, Ken Watanabe, nella celebre Calunnia dal Barbiere di Siviglia, nel terzetto del Così fan tutte di Mozart e nel Dal tuo stellato soglio dal Mose’ di Rossini, insieme ai bravi Olivier Mani, Guglielmo Ugolini, interprete delizioso nel La ci darem la mano dal Don Giovanni di Mozart, e la giovane e brava soprano Elisa Serafini che ha entusiasmato il pubblico pesarese, con altri brani fra cui quello tratto dal Don Pasquale. Il Va Pensiero di Verdi che ha coinvolto anche il pubblico, ha concluso un concerto molto bello e il ringraziamento del presidente del coro Donatella Bastianelli, è stata la giusta conclusione di una serata da ricordare.

(Le foto sono di MARY  TRINI)

 

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it