Gaming online: i numeri delle Marche nel 2019

Gaming online: i numeri delle Marche nel 2019

ANCONA – Il gioco sembra essere uno dei trend in crescita in questo 2019 un po’ in tutte le Regioni italiane, ma ce ne sono alcune che hanno fatto registrare dati davvero da record, come le Marche. Per tanti cittadini, infatti, cresce la passione non solamente verso i luoghi fisici, dal momento che crescendo notevolmente il comparto del gioco online. Il fatto di poter scommettere direttamente e comodamente tramite il proprio smartphone piuttosto che tablet è senz’altro una grande innovazione in confronto al passato. Giocare a poker utilizzando il proprio dispositivo mobile comodamente seduti sul divano di casa sta diventando un’abitudine, anche in virtù del fatto che l’esperienza di gioco è stata notevolmente migliorata da parte degli sviluppatori.

Gaming online, le slot machine trascinano il settore

Tra le discipline da casinò è da registrare il grandissimo successo delle slot machine, dove cresce il numero di titoli basati su jackpot progressivi che permettono di ottenere delle vincite ancora più alte. E anche il divertimento, di conseguenza, cresce in modo esponenziale. Giocare ad una slot online piuttosto che in un casinò reale? Al giorno d’oggi si fa una gran fatica a percepire la differenza, soprattutto per la grande vastità di giochi e opzioni che vengono proposti a tutti gli utenti che scommettono e puntano tramite le piattaforme sul web. Anche gli utenti più reticenti, che erano ancorati al mito del gioco solo nei casino reali, si stanno ricredendo. Merito senz’altro della grandissima diffusione della modalità di gioco live, che offre l’opportunità di scommettere con un croupier in carne ossa, con una trasmissione in streaming della partita. Una modalità di gioco decisamente coinvolgente, che rende ancora più “umana” la partita che si sta per disputare.

Stando ad alcune statistiche che si riferiscono alla città di Ancona, le scommesse legali hanno toccato e superato la quota di 101 milioni di euro, con qualcosa come 1011 euro di giocate per ciascun cittadino. Insomma, uno stipendio intero che finisce nel gioco. Secondo i dati di qualche anno fa, nel 2016 ad Ancona erano presenti ben 663 slot machine.

Proprio nelle Marche, nel 2017, è stata varata una nuova legge relativa anche al gioco legato all’uso delle nuove tecnologie e dei social network. Il testo proviene dalla maggioranza e dall’opposizione, in un accordo bipartisan unificato.

Le statistiche confermano il trend in crescita anche a Senigallia, dove si è toccata una spesa pari a circa 56 milioni di euro nel 2016. Stesso discorso per Loreto e Falconara, mentre si scende un po’ nelle altre città più importanti, ovvero Fabriano, Osimo, Falconara e Cupra Marittima. Ad Ascoli, invece, le statistiche salgono ancora di più, anche se aumentano contemporaneamente pure le possibilità per tutti gli operatori che vengono introdotti lavorativamente nel settore dopo un adeguato periodo di formazione.

Dalle Marche all’Italia: ecco i giochi online più praticati nel 2019

Tra i più importanti giochi da casinò ne troviamo due che stanno ricevendo un numero di apprezzamenti decisamente superiore a tutti gli altri: stiamo facendo riferimento alla roulette e al blackjack. La roulette è chiaramente conosciuta da tutti per via del fascino che riesce a trasmettere, inserita da decenni in un gran numero di film e serie tv. Il blackjack è un gioco di carte in cui la componente fortuna non è l’unica che conta, visto che anche abilità e logica diventano fattori di primo piano. Sia nella versione classica che in quella digitale, con il passare del tempo sono state sviluppate numerose versioni differenti di roulette e di blackjack, andando ad ampliare sempre di più le opzioni a disposizione degli utenti finali.

A parte la distribuzione regionale, anche il dato nazionale rende chiaramente merito all’aumento del gioco sul web. La crescita, dal 2017 ad oggi, ha portato a toccare dei livelli particolarmente elevati. Tra gli elementi più rappresentativi di questa grande crescita, ma anche rivoluzione del mondo del gaming, troviamo senz’altro il fatto di aver cambiato il target di riferimento. Se fino a qualche decennio fa i casino reali potevano offrire una gamma di giochi determinata e limitata, ora è tutto cambiato. Si può giocare e puntare praticamente in qualsiasi posto ci si trovi e questo ha favorito anche la riduzione dell’età media dei giocatori. Il gioco online, infatti, favorisce anche il coinvolgimento delle nuove generazioni, che sono più portate ad utilizzare i moderni mezzi tecnologici per giocare e divertirsi con le slot e tutti gli altri giochi online. Stando a quanto è stato riferito dall’Istat, nella sua consueta indagine, la prevalenza dei giocatori è maschile.

Le nuove normative e la rivoluzione

del gioco online

È importante mettere in evidenza come il gioco sul web sia passato attraverso una rivoluzione. In modo particolare, ciò che è cambiato di più è la sua offerta, dal momento che la nuova generazione diventa sempre più esigente e richiede dei servizi, soprattutto su dispositivi mobili, efficienti e completi. Chi lavora nel mondo del gaming online, quindi, sa come i maggiori investimenti siano dedicati al miglioramento delle piattaforme di gioco, così come di tutte quelle applicazioni che vengono proposte sui vari store online e che permettono agli utenti di giocare direttamente tramite il proprio device mobile. Parallelamente, si cerca di mettere a disposizione dei nuovi utenti una gamma di bonus sempre più vantaggiosa e allettante: non solo, visto che spesso vengono inseriti anche altri tipi di sconti e dei limiti di deposito decisamente più bassi. Sono questi gli elementi principali su cui si punta per ampliare ancora di più il bacino di utenti che giocano online.

Al contempo, è innegabile come tutti gli operatori nutrano una certa preoccupazione nei confronti del Decreto Dignità, che da pochi giorni è entrato definitivamente in vigore, dopo le proroghe che avevano esteso dei “salvagenti” per le pubblicità dall’estate scorsa fino a quella in corso. Adesso però le proroghe sono scadute e gli operatori dovranno inventarsi un modo per rimanere sempre estremamente competitivi anche senza avere la possibilità di usufruire di spazi pubblicitari per i propri servizi. Anche gli stessi consumatori potranno disporre di un numero di informazioni notevolmente inferiore per chi intende approcciarsi con qualche gioco online. Una normativa sempre più stringente, che segue la linea intrapresa da parte dell’Agenzia dogane e Monopoli, che ha lanciato una serie di controlli serrati con l’intento di oscurare tutti quei portali che non rispettano le linee guida che sono previsti dalla legge, così come eludono la normativa legata alla privacy e al sistema di gioco.

 

 

 

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it