Sul ring di Ancona Mattia Occhinero vince in soli cinque minuti ed esalta il suo pubblico

Sul ring di Ancona Mattia Occhinero vince in soli cinque minuti ed esalta il suo pubblico

ANCONA – Troppo pochi cinque minuti scarsi per giudicare la prestazione del supergallo Mattia Occhinero che alla sua seconda esibizione a torso nudo si è sbarazzato dell’avversario albanese Srxho Kikrri con un preciso gancio montante che ha centrato con estrema precisione il fegato.

Ma veniamo per ordine: entrambi erano al loro secondo confronto con una vittoria  a testa nel match di debutto, primo combattimento che, nel caso del pugile anconetano, si era concluso ai punti davanti ad un avversario rinunciatario che non  gli aveva dato modo di esprimersi al meglio. In questa occasione Occhinero ha trovato nell’albanese Kikrri un avversario che ha accettato  il combattimento sin dal primo suono del gong. Una ripresa, la prima, con scambi serrati in cui l’anconetano si faceva subito apprezzare per un gancio sinistro e soprattutto un montante destro che l’albanese dimostrava di non gradire.

Nella seconda ancora scambi con Occhinero in crescendo che a metà round colpiva con precisione con il gancio sinistro al fegato. Kikrri accusava con  un  paio di secondi di ritardo e si faceva contare, cercava poi di riprendere ma non ce la faceva ed il match finiva li. In questo breve lasso di tempo il pugile anconetano ha evidenziate una buona impostazione tecnica ed una potenza di tutto rispetto. Prestazione positiva che attesta le ottime qualità di un Occhinero che attendiamo alla conferma nei prossimi cimenti. Una vera ovazione per lui al termine del match da un pubblico che, accorso in buon numero, sembra avere ritrovato interesse per questo sport che da tempo era latitante dalla Dorica.

Ottimo anche il confronto dilettantistico che ha visto nove confronti fra atleti marchigiani, abruzzesi e svizzeri. Fra questi due matches al femminile con ottime prestazioni della fermana Corradetti che ha messo sotto la svizzera Verena e l’anconetana Fiori che si è aggiudicata il verdetto ai danni dell’abruzzese Borgheggiani. Equilibrati e combattutissimi i combattimenti fra Di Mare della Upa e Mancini della Audax vinto dal primo che si è dimostrato più potente ed aggressivo e fra Di Gennaro della Pug. 1923 che ha battuto lo svizzero Da Silva. Sfortunatissimo Baldoni della Upa che, nel mentre sembrava avviato ad una affermazione, era fermato da una ferita e doveva cedere il verdetto al fermano Piangerelli.

Ottima l’organizzazione siglata dalla Nike di Fermo con il suo dinamico presidente Luciano Romanella.

Ufficiali di Servizio: Ngeleka, Longarini, Di Clementi, Lupi: Commissario di Riunione: Mariani; Medico di Bordo Ring: Gambacorta; Cronometrista: Domogrossi. (G.F.))

I RISULTATI

Professionisti supergallo: Mattia Occhinero (Upa Ancona, Kg 54,800) b. Serxho Kikrri (Albania, Kg 55,800) Kot 2^ ripresa.

Dilettanti kg 54 donne: Corradetti ( Nike) b. Verena ( Pug. Ticinese); Kg 75: Fall El Hadji (Upa) b. Elisei (Canappa Boxing); Kg 69: Di Mare ( Upa) b. Mancini (Audax); Di Gironimo (Lionheart) b. Marconi (Upa); Di Gennaro (Boxe 1923) b. Da Silva (Pug. Ticinese); Piangerelli (Nike) b. Baldoni ( Upa) rsci 2^; Kg 91: Montagnoli (Nike) b. Silla Flati ( Di Giacomo); Kg 81: Bagalini ( Boxe 1923) b. Santoli (Audax); Kg 57 donne: Fiori (Boxe Ring Gym) b. Borgheggiani ( Di Giacomo).

Nella foto: Mattia Occhinero al termine del match, assieme ai tecnici  Pieroni e Cappellini

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it