Senegalese arrestato a Pesaro dai carabinieri per tentata estorsione e detenzione di eroina

Senegalese arrestato a Pesaro dai carabinieri per tentata estorsione e detenzione di eroina

PESARO – Alle prime ore di domenica mattina, a Pesaro, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pesaro e quelli della locale Stazione, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, N.M. ventottenne senegalese, domiciliato nella provincia di Rimini, celibe, nullafacente, già noto alle forze dell’ordine, irregolare sul territorio nazionale, in quanto  ritenuto responsabile di tentata estorsione nei confronti di un turista cinquantasettenne e di detenzione, ai fini di spaccio, di eroina.

Il giovane senegalese, dopo aver asportato l’autovettura della vittima, richiedeva la somma contante di 1.600 euro per restituirgliela. L’uomo non accettava il ricatto e si rivolgeva immediatamente ai carabinieri, spiegando l’accaduto. Sul posto venivano  immediatamente inviate diverse pattuglie dell’Arma, già presenti sul territorio, nell’ambito dei servizi di prevenzione estiva, disposti in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica dal Prefetto Vincenzo Lapolla. L’attenzione dei militari veniva richiamata dal giovane extracomunitario che si aggirava, con fare sospetto, per le vie del centro cittadino ed alla vista dei militari tentava, inutilmente, di nascondersi.

Bloccato dai carabinieri operanti il giovane veniva immediatamente sottoposto a perquisizione personale che permetteva di rinvenire le chiavi del veicolo asportato, rintracciato poi nelle vicinanze e, celati addosso, 9 grammi di eroina pronti per essere spacciati.

L’arrestato è stato associato presso la casa circondariale di Pesaro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Pesaro.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it