I sindaci marchigiani al Ministero: “No al muro, sulle barriere antirumore serve un confronto con il territorio”

I sindaci marchigiani al Ministero: “No al muro, sulle barriere antirumore serve un confronto con il territorio”

ROMA – Si è aperta a Roma, presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la tornata delle conferenze dei servizi riguardanti i comuni costieri marchigiani, sulle barriere antirumore da realizzare lungo la ferrovia. Oggi è stato il turno di Mondolfo, primo ad essere convocato. A sostegno del sindaco Nicola Barbieri e dell’Amministrazione comunale sono intervenuti anche gli altri sindaci marchigiani, rappresentanti della Regione e dell’Anci Marche, oltre ai comitati dei cittadini. Tutti uniti per dire “no al muro”.

L’incontro si è concluso con la consegna, da parte del presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi, del documento preparato da Anci Marche e Regione Marche e sottoscritto da tutti i sindaci del territorio al dott. Danilo Scerbo, Direttore della Direzione Generale per lo sviluppo del territorio presso il  Dipartimento per le Infrastrutture, Sistemi informati e Statistici del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

Durante l’incontro si è discusso a lungo sul presente e, soprattutto, sul futuro delle barriere antirumore che riguardano 400mila cittadini che vivono sulla costa marchigiana. All’incontro ha partecipato una rappresentanza dei sindaci e amministratori dei comuni costieri coinvolti nel progetto.

“Ci siamo presentati come fronte compatto – ha detto Mangialardi – e questo dà forza alle nostre ragioni che sono state chiaramente espresse sia nel corso del confronto franco e diretto con il dott. Scerbo e con il dott. Della Morte e ben riassume nel documento”.

“Non siamo contrari all’intervento – ha aggiunto Mangialardi – ma la priorità ora è sospendere le procedure e tenere aperto il tavolo di confronto nel quale i territori, quindi i sindaci, siano coinvolti attivamente”. Nella conferenza Stato-Regioni le Marche si dichiareranno contrarie a questa soluzione con l’obiettivo di aprire una nuova fase.

“La nostra posizione è dialogante – ha concluso il presidente dell’Anci Marche – e su queste basi contiamo di sederci molto presto al tavolo con Rfi per discutere le varie ipotesi e soluzioni”.

Nelle foto: tre momenti dell’incontro di oggi al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed un tratto delle barriere antirumore già realizzato a Senigallia

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it