Con “Un pugno al terremoto” dalla boxe marchigiana un contributo per mantenere viva l’attenzione su Visso e gli altri borghi devastati 

Con “Un pugno al terremoto” dalla boxe marchigiana un contributo per mantenere viva l’attenzione su Visso e gli altri borghi devastati 

VISSO – “Un pugno al terremoto” con  questo slogan le società delle Marche e del Lazio, in primis la Nike e la Polisportiva Casalbruciato, hanno presentato  una dilettantistica di spessore per contribuire a mantenere viva l’attenzione su questi magnifici borghi che hanno subito una vera devastazione. Una iniziativa che fa loro onore e che indica la boxe non solo come sport ma anche un mezzo di comunicazione  di valori.

Dieci matches, dicevamo, tutti equilibrati che hanno riscosso il plauso del pubblico presente; riunione graziata dal tempo che si è rimesso proprio al momento giusto consentendone il regolare andamento.

Il match sicuramente più interessante quello che ha visto prevalere Maski della Audax di Fano su D’Elpidio della Polisportiva Casalbruciato. Il marchigiano, guardia destra, davanti ad un avversario sicuramente più potente, ha fatto un ottimo uso del gancio sinistro che è andato a segno con  regolarità per tutte tre le riprese. Ha sfoderato un tecnica di primordine che gli è valso il premio di migliore pugile della serata. Due combattimenti al femminile in cui la Eusepi della Olimpics Romans ha battuto la Tafa delle Boxe Kaflot in un match equilibrato pieno di buona volontà ma scarso di contenuti tecnici. La Corradetti della Nike di Fermo ha iniziato contratta ma poi è andata in crescendo e si è aggiudicata il verdetto ai danni della Rossi della Olimpic Romans. Decisamente valido anche il confronto fra Santilli della Polisportiva Casalbruciato  e Said della pug. Kaflot; il verdetto è andato al laziale dopo tre riprese tiratissime ed equilibrate. Pareggio fra Santoli della Audax e Camara della Kaflot in un confronto il cui nessuno dei due è riuscito ad imporre la propria boxe. Potenza, della Nike, ha superato Meliota della Casalbruciato in virtù di una maggiore concretezza. Il laziale Linardi con un uso accorto del sinistro ha superato il marchigiano Marconi. Sisillo della Caslabruciato, indubbiamente più esperto, non  ha avuto difficoltà nell’aggiudicarsi il verdetto ai danni di Piagerelli della Nike. Verdetto di sospensione cautelare nel match fra i marchigiani Montagnoli della Nike e Padrevita della Minchillo Boxe. Più tecnico e meglio impostato il primo, con pochi colpi in diretto, ha costretto l’angolo di Padrevita, più raccolto e con leve più corte, a richiamare all’angolo il proprio atleta.

Ufficiali di Servizio: Battilà, Mecozzi, Di Clementi Sauro., Pecorari; Commissario di Riunione: Di Clementi Stefano; Medico di Bordo Ring: Marinelli; Addetto al Cronometraggio: Rocco (G.F.)

I risultati

Kg 69 youth: Sulcaj (Miami) b. Venko( Drago Boxing); youth donne: Eusepi (Olimpic Romans) b. Tafa (Kaflot); Kg 60 elite 2^: Santilli (Pol. Casalbruciato) b. Said (Kaflot); Kg 64 elite: Maski (Audax) b. D’Elpidio (Pol. Casalbruciato); Kg 54 junior donne: Corradetti (Nike) b. Rossi ( Olimpic Romans); Kg 81 elite 2^: Camara (Kaflot) e Santoli ( Audax ) pari; Kg 69 youth : Potenza ( Nike) b. Meliota (Pol. Casalbruciato; Kg 75 elite 2^: Linardi (Pol. Casalbruciato) b. Marconi (Acc. Maceratese); Kg 69 elite: Sisillo (Pol. Casalbruciato) b. Piangerelli (Nike); Kg 91 elite 2^: Montagnoli (Nike) b. Padrevita (Boxe Minchillo) sospensione cautelare 2^ ripresa.

Nella foto (di Max Petrus): Maski in una azione di attacco

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: