Nonostante l’emozione Eros Seghetti inizia nel migliore dei modi l’avventura tra i professionisti

Nonostante l’emozione Eros Seghetti inizia nel migliore dei modi l’avventura tra i professionisti

OFFIDA – Il tempo inclemente ha costretto gli organizzatori a disertare la magnifica Piazza del Popolo dove era previsto il debutto fra i professionisti dell’ascolano Eros Seghetti ma la location al coperto utilizzata, l’Enoteca Regionale Vinea, è stata egualmente di grosso impatto soprattutto se si considera che era piena di gente che ha seguito con competenza ed entusiasmo tutta la manifestazione.

Seghetti ha vinto meritatamente ma ha lasciato per le prime due riprese tutti in forte preoccupazione soprattutto il suo angolo, in cui i tecnici Romanelli e Bassi si sono sgolati per richiedergli una maggiore dinamicità. Il ragazzo, visibilmente emozionato, ha iniziato impacciato e non è  quasi riuscito  a portare colpi. Due riprese sicuramente perdute anche se il suo avversario, il laziale originario del Camerun, David Bika, impostato in guardia destra, non è riuscito a portare colpi determinanti.

Dalla terza tornata Seghetti si è svegliato ed ha cominciato a portare il jab sinistro ed a doppiare con il destro: da questo momento Bika  ha pedalato all’indietro e l’ascolano ha potuto fare il suo match conquistando le altre 4 riprese.

Al termine del confronto i punteggi erano a favore di Seghetti per 5,4 e 2 punti. A nostro parere il verdetto più esatto è stato quest’ultimo ed i due punti ci stavano tutti e collimavano con le nostre risultanze. Comunque, punteggi a parte, risultato unanime e prima fatica chiusa positivamente. Chi vince ha sempre ragione ma la pausa iniziale lascia sospeso il nostro giudizio anche se riteniamo che sia stata dovuta alla emozione che peraltro dovrà essere maggiormente contenuta negli impegni futuri.

Fra i dilettanti abbiamo assistito a sette combattimenti all’insegna dell’equilibrio tanto che ben tre matches sono terminati in parità. Interessante ed equilibrato il combattimento fra Di Gennaro della Pug.1923 e D’Andrea della Pug. Kaflot aggiudicatosi daprimo sul filo di lana. Forse il migliore, agnosticamente parlando, quello che ha visto la vittoria di Fiorentino  della Ascoli Boxe ai danni di Martini del team Ruffini. Anche in questo combattimento i valori si sono equivalsi ed ha deciso un richiamo ufficiale inflitto al pugile di Ruffini. Grossa battaglia anche fra Mariani della Pug. 1923 e  Marti della Lionheart conclusasi a favore di quest’ultimo.

Ufficiali di Servizio: Lupi, Di Clementi, Mecozzi, Ellena; Commissario di Riunione: Stefano Di Clementi; Medico di bordo Ring: Marinelli. (G.F.)

I risultati

Professionisti pesi mediomassimi: Eros Seghetti (Kg 80 – Ascoli Boxe) batte David Bika ( Kg 79,6- De Clemente) punti 6 riprese.

Dilettanti kg 64: Papadia (Ascoli Boxe) b. Manzo (Pug. 1923); Kg 66: Di Gennaro (Pug. 1923) b. D’Andrea ( Pug. Kaflot); Kg 69: Forconi (Pug. 1923 ) e Dauti (Pug. Kaflot) pari; Fiorentino (Ascoli Boxe) b. Martini (Ruffini Team); Kg 81: Marti (Lionheart) b. Mariani (Pug. 1923); Falcioni (Ascoli Boxe) e Luciani (Pug. 1923) pari; Rossi (Ascoli Boxe) e Camaioni (Pug. 1923) pari.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: