Gioachino Rossini Grand Gourmet: in arrivo a Pesaro 20 aspiranti chef e maître da tutta Italia

[themoneytizer id=17589-1]

Gioachino Rossini Grand Gourmet: in arrivo a Pesaro 20 aspiranti chef e maître da tutta Italia

Il 10 maggio, il “Santa Marta” di Pesaro ospita la II edizione del concorso rivolto agli istituti alberghieri pronti a sfidarsi nel nome, e nel gusto, del Compositore

PESARO – Torna “Gioachino Rossini Grand Gourmet”, il concorso nazionale per gli istituti professionali alberghieri giunto alla seconda edizione e in programma venerdì 10 maggio, dalle 8.30, nella sede del Santa Marta di Pesaro.

L’iniziativa, che coinvolge gli alberghieri d’Italia nello studio, valorizzazione e interpretazione del lato gourmand di Rossini, nata da un’idea del comitato “La cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet”, è proposta in collaborazione con Comune di Pesaro, Istituto Professionale di Stato per i servizi per l’Enogastronomia e l’ospitalità alberghiera “Santa Marta” di Pesaro, Federazione Italiana Cuochi Pesaro e Urbino e con la Rete delle Scuole di Pesaro.

“Quando è nata – ha detto Daniele Vimini, vice sindaco e assessore alla Bellezza e Vivacità di Pesaro – questa iniziativa si era posta un duplice, importante obiettivo: trasformare il concorso in appuntamento fisso nella proposta formativa degli istituti alberghieri e rendere onore alla passione e all’attitudine del nostro celebre concittadino per la grande cucina. La sfida di venerdì permetterà agli studenti di conoscere Pesaro, i luoghi in cui è nato ed è cresciuto Rossini, raccontare il suo amore per il buon cibo e trasformare in giovani ambasciatori del lato ‘gourmand’ del compositore gli aspiranti chef di tutta Italia”.

Saranno dunque 20 gli studenti e docenti che il 10 maggio si sfideranno nella gara di gusto che lo scorso anno ha proclamato vincitore il piatto “Faraona tartufata in due cotture” di Alessio Tonti (chef) e Martina Pesaresi (in sala) dell’istituto “Einstein” di Loreto come stabilito dalla giuria tecnica che ha valutato il lavoro della squadra durante una mattinata di preparazioni, cotture, impiattamento e abbinamenti alle musiche rossiniani e i grandi vini italiani.

Siamo onorati – ha detto Maria Rita Ortolani, vice preside del “Santa Marta” di Pesaro – di poter ospitare la seconda edizione di un’esperienza formativa innovativa e stimolante che lo scorso anno ha coinvolto gli studenti della nostra scuola nel coordinare e supportare i loro giovani colleghi”.

I ragazzi delle 5 scuole finaliste – ha aggiunto Roberto Gabellini, coordinatore e docente ‘Santa Marta’ – si cimenteranno in una prova completa, ricca e coinvolgente. Sarà un banco di prova importante che consentirà loro di approcciarsi alla cucina e alla sala con la deferenza e il rispetto verso una figura simbolo della nostra cucina e del nostro territorio e di progettare, intorno ad essa, una sinfonia di sapori unica e golosa”.

Il concorso ha coinvolto, nelle fasi preparatorie, gli studenti delle classi quarte e quinte delle scuole di tutta Italia che hanno presentato le loro ricette – un antipasto, un primo o un secondo – prendendo a prestito gli ingredienti preferiti da Rossini: pesce di mare, uova, broccoli, funghi, tartufo, foie gras, filetto di manzo, salumi, tartufo e vino.

Delle ricette arrivate nella sede del comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” entro il mese di febbraio 2019, sono state selezionate quelle proposte dai 5 istituti di Casalecchio di Reno (Bologna), Cingoli (Macerata), Bari, Riccione, Agrigento.

Dopo la realizzazione di ciascun piatto (prevista dalle 8.30 alle 11.30) gli studenti presenteranno i propri piatti (dalle 12 alle 14) e racconteranno il procedimento di preparazione, l’abbinamento con il vino scelto e con le musiche di Rossini selezionate. A valutare la performance degli allievi di cucina e sala sarà la giuria composta da professionisti del settore e autorità che misurerà i piatti per originalità, difficoltà, presentazione, gusto, organizzazione della postazione di lavoro e il personale di sala per la corretta esposizione della ricetta e per la scelta e presentazione del vino. Al termine è previsto il pranzo e la proclamazione del miglior piatto.

Gli alunni vincitori si aggiudicheranno il titolo di “Gioachino Rossini Grand Gourmet” e avranno l’opportunità di svolgere uno stage in strutture altamente qualificate mentre il loro istituto riceverà un’attrezzatura da laboratorio di cucina o di sala. A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione all’iniziativa alla conclusione della giornata.

Presente alla giornata anche il Foto Club di Pesaro che seguirà tutte le fasi di elaborazione del piatto, presentazione alla giuria, proclamazione dei vincitori per realizzare un’inedita gallery.

Vogliamo creare una nuova letteratura di cucina rossiniana – ha concluso Vimini – ispirata al gusto di oggi. ‘Gioachino Rossini Grand Gourmet’ è anche un progetto di promozione della figura di Rossini e di Pesaro in Italia e all’estero: dal prossimo il progetto si amplierà agli alberghieri di tutta Europa”.

Ecco le ricette dei giovani chef e maître

Ricette innovative e abbinamenti elaborati, guizzi di creatività e gusti travolgenti. Ecco qualche anticipazione delle 5 ricette in sfida per la seconda edizione di “Gioachino Rossini Grand Gourmet”, in programma venerdì 10 maggio, al Santa Marta di Pesaro che saranno valutate dalla giuria tecnica per conquistarsi la vittoria e i premi in palio.

I PIATTI IN GARA

  1. Lo spuntino di Rossini, junk food in ‘opera’” dell’IPSAR Casalecchio di Reno, sede coordinata Valsamoggia (Bologna), una ricetta che annovera, tra gli ingredienti, un panettone salato, fesa di tacchinella, tartufo di Acqualagna, patè, gorgonzola e broccoli.
  2. Sfodereranno invece un “Crescendo in quattro note” i ragazzi dell’Elena di Savoia – Piero Calamandrei di Bari che, per l’appuntamento, presenteranno un piatto elaborato con gamberi, paccheri “in piedi”, capocollo di Martina Franca, foie gras, filetto, tartufi e vino Madeira.
  3. Note siciliane risuoneranno sul piatto dei giovani studenti della “Luigi Pirandello” di Bidona (Agrigento), “Un cristallo tra la spiaggia e la schiuma di mare” in cui un sablé salato al pistacchio, aspic di gamberoni e spuma di brodetto.
  4. La vicina Riccione, con il suo alberghiero Severo Savioli, scenderà, ai fornelli, con una “Trota fumé nella fattoria” un piatto in cui mele romagnole, gorgonzola, broccolo, tartufo, cotechino si incontreranno con una “trota iridea” alla ricerca di un tripudio di sapori.
  5. Tacchino croccante, foie gras, tartufo, faraona, lenticchie, spuma alla Madera e… un più esotico cous cous saranno invece gli ingredienti del piatto in gara elaborato dai ragazzi del “Girolamo Varnelli” di Cingoli (Macerata) “L’Orchestra delle nostre passioni”.

LA GIURIA TECNICA DI GIOACHINO ROSSINI GRAND GOURMET

Catia Amati, del Comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” in rappresentanza della Fondazione Rossini;

Massimo Biagiali, del Comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” in rappresentanza di istituzioni/organismi attivi nella promozione enogastronomica – Ristorante Il Giardino di San Lorenzo in Campo;

Mario Di Remigio, del Comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” in rappresentanza delle associazioni di categoria dei ristoratori – Ristorante Polo Pasta & Pizza di Pesaro;

Stefano Ciotti, membro del Comitato “La Cucina di Gioachino Rossini – Rossini Gourmet” in qualità di chef di comprovata fama – Ristorante Nostrano,  1 stella Michelin di Pesaro.

Giuseppe Giovanetti – autore di “Rossini, raffinato gourmet”

Roberto Franca, dirigente scolastico dell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera “S. Marta” di Pesaro.

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it