Docenti da tutta Europa scoprono le bellezze di Ancona grazie ad un progetto del “Podesti Calzecchi Onesti”

Docenti da tutta Europa scoprono le bellezze di Ancona grazie ad un progetto del “Podesti Calzecchi Onesti”

ANCONA – L’Europa ad Ancona per un giorno. Merito del progetto scolastico Erasmus Plus dell’Istituto di istruzione superiore “Podesti Calzecchi Onesti” che ha organizzato una tre giorni di riflessione  sulla mobilità degli studenti e dei docenti a livello internazionale. Una delegazione di 20 docenti provenienti da diversi paesi europei hanno partecipato agli incontri a scuola ed hanno potuto nel contempo apprezzare le bellezze paesaggistiche ed architettoniche del capoluogo.

Nell’ambito del progetto, infatti, il “Podesti Calzecchi Onesti” ha rinnovato la proficua collaborazione della Scuola con gli Istituti Culturali del territorio: i docenti europei presenti in città hanno ricevuto l’accoglienza del personale addetto ai Servizi Educativi Museali della Società cooperativa “Le Macchine Celibi”, attuale gestore dei musei cittadini. Accompagnati anche dai colleghi anconetani, hanno avuto modo di conoscere la storia e di ammirare l’arte del capoluogo, con la guida Paola Pacchiarotti.

Nel percorso, con partenza da Piazza del Plebiscito all’interno del Museo della Città, si sono narrate le gesta eroiche di Stamira, la storia di Francesco Podesti (artista a cui è intitolata la scuola) e, continuando la passeggiata in Pinacoteca, si sono ammirati i capolavori di Tiziano, Lorenzo Lotto, Crivelli e tanti altri. Il tour è stato particolarmente apprezzato dai docenti stranieri.

Una tappa particolare del percorso ha visto la presentazione del progetto educativo, a cura di Sara Agostinelli, sviluppato dalla cooperativa insieme alle scuole (www.museieducativi.it).

A dimostrazione di come la cultura costituisca un contributo importante e un’opportunità per la crescita e lo sviluppo degli studenti, i Musei Civici di Ancona collaborano infatti da cinque anni nella definizione di un vero e proprio dipartimento educativo in collaborazione con i docenti degli istituti scolastici del capoluogo. Il modello anconetano si sta affermando nel panorama nazionale quale buona pratica per la creazione di un sistema integrato formativo dal forte impatto culturale e sociale.

Così come “integrazione” e “collaborazione” sono da sempre le parole chiave dei progetti portati avanti dal “Podesti Calzecchi Onesti”: tra gli altri, proprio in tema di scambi internazionali in ambito europeo, “Eurocom Smart 2017” che l’istituto anconetano cura con il Consorzio degli Istituti professionali di Modena. Obiettivo, migliorare la qualità e la quantità della mobilità degli studenti e dello staff nell’ambito dell’istruzione professionale attraverso la creazione di una rete nazionale e internazionale delle scuole e delle aziende di settore per garantire una partecipazione attiva all’alternanza scuola-lavoro.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it