Camerano festeggia 2 anni di “Junker”, l’App che aiuta a fare la raccolta differenziata dei rifiuti

Camerano festeggia 2 anni di “Junker”, l’App che aiuta a fare la raccolta differenziata dei rifiuti

di COSTANTINO RENATO*

CAMERANO – Da oltre 2 anni, è attivo a Camerano l’App “Junker” l’applicazione per smartphone e tablet, scaricabile gratuitamente su “App Store” e “Google Play”, in grado di fornire tutte le informazioni inerenti la raccolta differenziata.

L’App scansiona il codice a barre di un prodotto, lo scompone nelle materie prime che lo costituiscono e indica in quali bidoni vanno gettate le varie parti indicando anche le generalità del prodotto, dell’imballaggio e informazioni aggiuntive sul rifiuto da conferire.

Se il prodotto non viene riconosciuto basta fotografarlo tramite l’applicazione e trasmetterlo a “Junker” che in pochi minuti risponde con le info richieste e contemporaneamente viene aggiunto nell’archivio a beneficio degli altri utenti.

Se non è presente il codice a barre, l’App riconosce anche il simbolo del materiale o in alternativa è possibile digitare il nome del prodotto.
Dall’analisi dei dati sull’utilizzo del software è possibile constatare che per il periodo gennaio 2018 e aprile 2019 sono stati registrati altri 290 utenti collegati all’App per la zona di Camerano che si vanno ad aggiungere ai 320 utenti iscritti ad inizio 2018.

Per lo stesso periodo, le ricerche effettuate sono state 3425 e riguardano prevalentemente incarti di biscotti, pasta, snack e farmaci. Tra i materiali più ricercati troviamo invece la plastica film polipropilene PP5, carta e cartone non ondulato PAP21, la plastica polietilene ad alta densità HDPE e l’alluminio. Sono stati suggeriti 66 nuovi prodotti che non erano presenti nel database.

Tra le impostazioni, consigliamo di utilizzare le notifiche dei messaggi e del calendario di raccolta domiciliare del giorno dopo. E’ possibile inoltre avere sempre a portata di mano info sui contatti, gli orari del Centro Ambiente e la guida alla raccolta.

Tramite “Talkback”, un servizio di accessibilità che consente agli utenti non vedenti o con problemi di vista di interagire con i loro dispositivi, l’applicazione può essere usata da utenti non vedenti non solo per fare la differenziata, ma anche per leggere le etichette di tutti i prodotti in commercio.

“Junker” è stata anche utilizzata nelle attività di educazione ambientale effettuate nelle scuole, in quanto essendo “friendly”, rapida ed intuitiva si presta molto al gioco formativo.

*Assessore Rifiuti – Camerano

 

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it