Orsolini, Bonelli, Ruffini: tre marchigiani in vetta allo sport nazionale

[themoneytizer id=17589-1]

Orsolini, Bonelli, Ruffini: tre marchigiani in vetta allo sport nazionale

ANCONA – Prosegue il periodo d’oro per lo sport marchigiano. Grazie alle prestazioni di alcuni talenti emergenti, il territorio che comprende le province di Ascoli, Fermo, Macerata, Pesaro e Ancona, è costantemente nelle prime pagine delle cronache sportive nazionali. Oggi conosceremo proprio tre di questi atleti dall’ottimo presente e dal grande futuro: Riccardo Orsolini, Riccardo “Overbet91” Bonelli e Simone Ruffini.

Nato ad Ascoli Piceno nel 1997, Riccardo Orsolini è uno dei giocatori emergenti della Serie A 2018/2019. Attaccante esterno dotato di grande fisicità, dribbling bruciante, e un mancino in grado di fare molto male ai portieri, sta trovando con la maglia del Bologna la definitiva consacrazione.

La sua storia calcistica parte da lontano, e più precisamente dalla squadra della sua città natale. Con la maglia del Picchio Orsolini compie tutta la trafila delle giovanili fino ad esordire, appena maggiorenne in Lega Pro. Sarà però il ripescaggio dell’Ascoli in Serie B a permettergli di confrontarsi con i migliori talenti nazionali nel campionato Primavera. Con i pari-età non c’è partita: tra gennaio e marzo 2016 Riccardo segna 18 gol in 12 partite e si guadagna la chiamata di Devis Mangia in prima squadra. Seguiranno due stagioni da titolare in cadetteria e un ruolo fondamentale nelle due salvezze consecutive dei marchigiani.

Le sue prestazioni saranno così convincenti da spingere la Juventus ad acquistarlo a titolo definitivo. Prima dello sbarco a Torino, Orsolini si rende protagonista anche con l’Italia Under 20: nei Mondiali di categoria trascinerà gli azzurri alla medaglia di bronzo, conquistando anche la scarpa d’oro del torneo. L’impatto con la Serie A, però, non è dei più facili: l’attaccante viene ceduto in prestito all’Atalanta ma il processo di adattamento si rivela più difficile del previsto. Così, dopo soli sei mesi e pochi minuti in campo, l’ascolano passa al Bologna.

E dopo una seconda metà di stagione in crescita, arriviamo all’inizio di questo campionato. Confermato il prestito in Emilia, Orsolini ritrova l’appuntamento col gol il 30 settembre (sua la rete decisiva nello scontro salvezza contro l’Udinese) e fa ancora meglio nei sedicesimi di Coppa Italia, dove con una doppietta e un assist trascina i rossoblu agli ottavi. Il resto è storia recente e ci porta al 2019. Un anno che continua all’insegna della crescita costante: nei primi 4 mesi di questo 2019 Orsolini ha incrementato il bottino personale e, nonostante un infortunio che l’ha tenuto fuori per quasi un mese, ha già realizzato 2 gol e 3 assist in appena 9 presenze.

Il 2019 è l’anno della consacrazione per un altro talento marchigiano: Riccardo “Overbet91 Bonelli, specialista del poker sportivo online. Nato a Jesi nel 1991, Bonelli scopre il Texas Hold’em grazie ai primi tornei giocati con gli amici e fin da subito capisce che quella sarà la sua strada. La sua preferenza ricadrà subito sui tornei sul web (più veloci e combattuti) dove inizierà in breve tempo a collezionare risultati importanti.

Il salto di qualità è arrivato però in questa stagione ed è coinciso con la specializzazione negli MTT, i tornei multitable online. Durante le Carnival Series di PokerStars dello scorso febbraio, lo jesino ha infatti conquistato ben sei tavoli finali con la perla del primo posto nel torneo con formula turbo.

Ma non si è fermato lì. Bonelli, da fresco vincitore dell’evento 32 delle Carnival Series, si è preso a inizio aprile il successo nell’appuntamento numero 65 delle Scoop, uno degli appuntamenti più prestigiosi del poker online nazionale.

Chiudiamo la nostra rassegna di giovani talenti marchigiani parlando di Simone Ruffini, nuotatore italiano di Tolentino specializzato nel nuoto di fondo, già nominato ad “atleta dell’anno” nel galà dello sport 2016. Più che un atleta emergente, Ruffini è una vera e propria stella dello sport internazionale. La sua carriera in nazionale inizia nel 2007 con la partecipazione agli Europei giovanili di Milano. Appena due anni dopo l’esordio, Simone riceve la prima convocazione nella rappresentativa assoluta per nuotare i Mondiali di Roma: chiuderà nono nella gara dei 5 km individuale.

Dal 2010 la crescita del maceratese è costante: in quella stagione conquista i primi titoli italiani in acque libere e il terzo posto nella 5 km a squadre degli Europei di Budapest. Farà ancora meglio in Cina l’anno successivo, vincendo la 10 km delle Universiadi di Shenzhen con oltre due minuti di vantaggio sul secondo classificato.

Nel 2015 il risultato che gli cambia la carriera: ai Mondiali di Kazan, Ruffini scende in acqua per una delle prime 25 km della sua storia natatoria e vince un incredibile oro. Che il suo non è un fuoco di paglia si intuirà nelle stagioni successive: nel 2016 e 2017 Simone diventa il primo nuotatore della storia a vincere per due volte consecutive la Coppa del Mondo individuale di nuoto di fondo.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it