Contrasto al caporalato ed allo sfruttamento del lavoro, premiati i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pesaro

Contrasto al caporalato ed allo sfruttamento del lavoro, premiati i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pesaro

PESARO – Oggi pomeriggio, presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Pesaro, si è svolta una cerimonia di premiazione per i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pesaro.  Il Comandante del Gruppo CC Tutela Lavoro di Venezia, Maggiore Gianfranco Albanese ed il Dirigente del locale Ispettorato, Dott.ssa Giuseppina Natali hanno consegnato ai militari del Nucleo CC un elogio tributato dal Comandante di Corpo per una attività investigativa sviluppatasi da agosto 2016 a novembre 2017 per il contrasto al grave sfruttamento lavorativo.

L’indagine si era conclusa con l’arresto con misura cautelare in carcere di un imprenditore pesarese titolare di una impresa di produzione di infissi e serramenti, ed una misura cautelare reale con sequestro di beni del valore di circa 60mila Euro. L’imprenditore è accusato di aver sfruttato 31 lavoratori, non solo stranieri (8 italiani) e spesso impiegati anche in nero, con retribuzioni di gran lunga inferiori a quelle previste dai contratti collettivi, con orari di lavoro massacranti ed in condizioni di esposizione a rischio di infortuni, poiché lo stesso indagato violava sistematicamente le norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. Gli stessi lavoratori, all’esito delle indagini, avevano dichiarato ai carabinieri le condizioni di vera e propria sudditanza imposte dal datore di lavoro, attraverso continue minacce di licenziamento ovvero mancata corresponsione delle mensilità stipendiali.

Le indagini condotte dai Carabinieri Ispettori del lavoro di Pesaro collaborati anche dai colleghi della Compagnia CC del capoluogo, avevano consentito di raccogliere un quadro probatorio talmente solido e fondato da ottenere, su richiesta della Procura della Repubblica di Pesaro, il rinvio a giudizio del datore di lavoro con l’imputazione dell’art. 603bis CP (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro).  Lo scorso mese di marzo si è già svolta la prima udienza del processo presso il Tribunale di Pesaro e ben 25 lavoratori vittime dello sfruttamento perpetrato dall’imputato si sono costituite parte civile.

I carabinieri premiati oggi con l’Elogio del Comandante di Corpo, Colonnello tSFP Nicodemo Macrì’ sono il Comandante del NIL di Pesaro, Maresciallo Maggiore Fabrizio Notarnicola, ed i due addetti Brigadiere Capo Enrico Sandroni e Vice Brigadiere Marco Giuseppe Luigi Munzi.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it