Champions League, Cucine Lube grande anche in Polonia: 3-0 allo Skra nella semifinale di andata

Champions League, Cucine Lube grande anche in Polonia: 3-0 allo Skra nella semifinale di andata

LODZ – Una splendida Cucine Lube Civitanova espugna ancora l’Atlas Arena di Lodz nella semifinale di andata di Champions League battendo 3-0 lo Skra Belchatow di Piazza e compiendo così il primo importante passo verso la Finalissima di Berlino.

Primi due set da sogno per i cucinieri, che dominano in ogni fondamentale mettendo a segno ben 10 ace (4 Juantorena, 4 Bruno, 2 Leal) senza lasciare il minimo spazio ad una frastornata formazione polacca. Il terzo set è l’unico combattuto, lo Skra ci prova ma gli uomini di De Giorgi sono bravissimi a tenere il punto a punti per poi piazzare la zampata finale al momento giusto, chiudendo la gara in tre set.

L’MVP della gara votato dalla CEV è Bruno, il top scorer Juantorena con 14 punti: sono 9 i muri messi a segno dalla Cucine Lube Civitanova che attacca con il 51%.

La partita

Solito sestetto in formato europeo per De Giorgi, con Bruno-Sokolov, Simon-Stankovic, Juanotorena-Leal, Balaso libero. Piazza risponde come previsto con Lomacz-Wlazly, Klos-Kochanowski, Ebadipour-Szalpuk, Piechocki libero.

Partenza bruciante della Cucine Lube Civitanova con i turni al servizio di Bruno (2 ace) e Juantorena (1) che proiettano i biancorossi sul 1-7: entra poi in scena anche il muro cuciniero (Sokolov, Leal e Stankovic) a lanciare ulteriormente gli uomini di De Giorgi sul +10 (2-12). Da lì in poi continua lo show Cucine Lube, Bruno e Juantorena pungono ancora dai nove metri e Sokolov giganteggia a muro (9-20) in un set dominato in ogni fondamentale (5 ace e 6 muri): chiude un altro errore dello Skra (6 in totale) 14-25.

Il secondo set si apre nel segno di Juantorena: sue le firme in attacco e in battuta per il 2-6 Cucine Lube, break allargato dal contrattacco di Sokolov che infila il pallone tra il muro polacco (4-9). Il dominio biancorosso continua: Leal si scatena in battuta (due ace consecutivi, 4-11), ancora l’opposto bulgara piazza il 5-13 all’incrocio delle righe. Primo guizzo dello Skra sul servizio di Wlazly (8-13) ma l’errore di Klos riporta la Cucine Lube al +7 (8-15), poi Juantorena trova un altro ace (9-17). Dall’11-20 (muro Leal) lo Skra rientra fino al 17-21 con Wlazly (71% in attacco) e Klos (muro) complice un calo di tensione in casa Cucine Lube, e si avvicina ancora dopo gli errori in attacco di Sokolov e Juantorena (20-22). A togliere le castagne dal fuoco ci pensa Bruno con l’ace del 20-24, Wlazly non trova la riga ed è 20-25. L’attacco Cucine Lube cala al 33% ma i 5 ace fanno la differenza.

Lo Skra prova a reagire nel terzo set (c’è Katic in campo per Szalpuk da metà secondo set) con Ebadipour (contrattacco e battuta float) trovando il primo vantaggio del match (8-6), la Cucine Lube ora è meno efficace al servizio e in attacco (sull’asta il colpo Juantorena, 11-8). Sokolov e Leal agganciano i polacchi in contrattacco (11-11), ora si va punto a punto: Simon si fa sentire a muro (15-16), Lomacz risponde fermando Sokolov (18-17), Leal contrattacca il 20-21. Stankovic al servizio e Juantorena in attacco guadagnano la prima palla match (22-24), l’italo cubano chiude la partita al secondo tentativo (23-25).

Il tabellino

PGE SKRA BELCHATOW: Droszynski, Wlazly 9, Teppan 1, Klos 3, Kochanowski 5, Katic 7, Czarnowski n.e., Milczarek (l) n.e., Ebadipour 9, Szalpuk 5, Fiel Rodriguez n.e., Lomac 1, Piechocki, Orczyk n.e.. All. Piazza.

CUCINE LUBE CIVITANOV: Sokolov 12, Kovar, D’Hulst, Marchisio (l) n.e., Juantorena 14, Massari n.e., Stankovic 4, Diamantini n.e., Leal 13, Cantagalli, Cester n.e., Simon 6, Bruno 4, Balaso (l). All. De Giorgi.

ARBITRI:Simonovic (Srb); Ivanovic (Bul).

PARZIALI: 14-25 (23′); 20-25 (31′); 23-25 (28′).

NOTE: BELCHATOW: 15 battute sbagliate, 1 ces, 6 muri vincenti, 44% in ricezione (21% perfette), 43% in attacco. Lube: 11 b.s., 10 aces, 9 m.v., 42% in ricezione (21% perfette); 51% in attacco.

Le interviste dopo la vittoria biancorossa

Ferdinando De Giorgi: “E’ una vittoria netta ed importante che vale molto nel gioco delle due partite con la nuova formula. Noi abbiamo battuto bene mettendo in difficoltà l’avversario, ma anche la nostra correlazione muro-difesa ha destabilizzato l’attacco dello Skra. Nei primi de set li abbiamo messi sotto pressione, un po’ in tutto e sono chiaramente contento del risultato ma bisogna già concentrarsi sulla prossima”.

Osmany Juantorena: “Una partita difficile ma che abbiamo reso facile mettendo tanta pressione al servizio, a muro e nella fase break. Siamo stati bravi per questo. Loro nel terzo set sono cresciuti ed abbiamo giocato punto a punto portando a casa questo grandissimo risultato. E’ una semifinale che si sviluppa in due fasi con la nuova formula e quindi bisogna rimanere concentrati perché non è ancora finita”.

Tsvetan Sokolov: “Siamo partiti subito forti, un primo set in cui abbiamo messo in grossa difficoltà l’avversario e poi il nostro livello di gioco si è un po’ abbassato e loro sono cresciuti. Ma era importante vincere questa partita ed è quello che contava, ora siamo un po’ più tranquilli ma sempre concentrati sui prossimi impegni perché non è ancora finita”.

 

Ag – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.altrogiornalemarche.it